22.6 C
San Gavino Monreale
martedì, Giugno 2 2020

San Gavino Monreale. Forme del paesaggio rurale tra passato e presente

Da leggere

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...

AVIS San Gavino, il Covid-19 non blocca le donazioni di sangue

Nonostante il lockdown dei mesi scorsi l’AVIS di San Gavino registra solo una piccola flessione delle donazioni di sangue nei primi cinque...

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Continua il nostro viaggio alla scoperta degli scrittori sangavinesi.
Oggi vi presentiamo un saggio di Sergio Orrù, che esplora le campagne e il paesaggio rurale del nostro paese.

San Gavino Monreale. Forme del paesaggio rurale tra passato e presente Autore Orrù Sergio
Casa Editrice UNI Service 2008.

ISBN 8861782582 / 88-617-8258-2
EAN 9788861782587

Questo lavoro, descrive, tra presente e passato, la particolare ed antica organizzazione dello spazio agrario che caratterizza una parte del territorio di San Gavino Monreale, posizionato al centro della più estesa pianura della Sardegna: il Campidano. Mentre altrove le siepi arbustive, frutto dell’antica pratica delle chiusure, sono state estirpate, a San Gavino Monreale sono incredibilmente sopravvissute. Avvalendosi di attente osservazioni sul campo, delle testimonianze degli anziani, della toponomastica e di varie fonti documentali ed archivistiche, l’autore tenta di dimostrare la valenza storica, culturale, etnografica e paesaggistica delle siepi di lentisco e dei relativi chiusi (cungiaus) che ancora oggi arricchiscono le campagne del fondovalle campidanese. Un patrimonio che le passate generazioni hanno pazientemente costruito nel tempo e che hanno saputo consegnare a quelle attuali: queste ultime sapranno fare altrettanto?

Articolo precedenteSa Battalla de Seddori
Articolo successivoConfermati i dirigenti del Comune

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...

AVIS San Gavino, il Covid-19 non blocca le donazioni di sangue

Nonostante il lockdown dei mesi scorsi l’AVIS di San Gavino registra solo una piccola flessione delle donazioni di sangue nei primi cinque...

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...