23.2 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Luglio 15 2020

Una canzone per San Gavino Monreale – Il Paese è Reale

Da leggere

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 21 luglio 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione ordinaria, seduta pubblica, con...

15 luglio, una cena sotto le stelle per sostenere AIRC

"Cena sotto le Stelle" nel centro cittadino per sostenere la ricerca oncologica di AIRC. Il giorno 15 luglio con...

Banda ultra larga, appello alla Regione per completare i cantieri

BANDA ULTRA LARGA – Da Confartigianato Sardegna alla Regione appello a completare la BUL: infrastruttura fondamentale irrinunciabile. Matzutzi e Serra (Confartigianato Sardegna):...

Lions Club Villacidro, il 5 luglio 2020 la cerimonia del Passaggio della Campana

Il 5 luglio 2020 si è svolta nel ristorante Santa Lucia a San Gavino Monreale il Passaggio della Campana del Lions Club...

Inauguriamo oggi una rubrica musicale dedicata alle canzoni che ben si addicono al nostro paese. Contiamo sulle vostre segnalazioni (via email, su facebook, o come preferite) per tentare di farne una rubrica a cadenza periodica.
La canzone che apre la rassegna è un brano che dedichiamo (si, un po’ polemicamente, non vogliamo di certo nasconderci) non tanto al nostro paese, quanto ai sangavinesi. Negli ultimi due anni abbiamo osservato gli sviluppi di tante vicende legate a San Gavino, leggendo e riportando tutte le notizie comparse sui quotidiani, sponsorizzando eventi ed iniziative, seguendo diatribe tra persone e associazioni. Qualche volta ne abbiamo preso parte, qualche volta abbiamo fatto da semplici spettatori.

Quello che è emerso in questi due anni è che tutti vorrebbero un paese migliore di quello che abbiamo. Su questo siamo tutti d’accordo, sarebbe folle pensare il contrario. Quello su cui non riusciamo mai ad essere d’accordo è sul “come” migliorarlo. Non si riescono a superare divisioni storiche derivanti da invidie e (vecchi? nuovi? eterni?) rancori, non si riesce a dare una mano tutti insieme a chi lancia una nuova iniziativa, a chi apre un nuovo negozio, a chi ha delle idee innovativo e vorrebbe poter contare su una comunità unita ed entusiasta. Tutti noi, pensando anche solo agli avvenimenti più o meno eclatanti degli ultimi ventiquattro mesi, potremmo trovare degli esempi che calzino a pennello a questo simpatico “quadretto”.

Questo è – a nostro avviso – il nostro più grande limite, che ci porta ad avere dei danni in ogni settore. Da quello economico e commerciale (c’è ancora chi preferisce fare la spesa fuori paese piuttosto che entrare nel negozio di tizio o caio, non accorgendosi che i soldi che escono da San Gavino non rientrano di certo con facilità, innescando un circolo vizioso che porterà il paese alla decadenza), a quello politico (contate i nostri assessori provinciali e regionali, per capire cosa intendiamo dire).

E allora vi lasciamo alla canzone degli Afterhours, un gruppo rock italiano che qualcuno ricorderà per una comparsata a Sanremo 2009 proprio con questo brano.
E dedichiamo a tutti coloro che criticano il nostro paese, che criticano le iniziative dei privati, che criticano l’operato delle persone che lavorano per San Gavino, che criticano le associazioni culturali, che criticano i musicisti sangavinesi, che criticano i commercianti, che criticano gli scrittori e i libri locali, che criticano tutto e tutti senza mai FARE nulla, se non appunto criticare, magari comodamente seduti davanti (o nascosti dietro, fate voi) il monitor di un pc.

Adesso fa’ qualcosa che serva
Che è anche per te se il tuo paese è una merda


Dici sempre le preghiere
Conti fino a dieci e
Preghi ancora che
Non tocchi a te
Decidere

Piangi fermo in tangenziale
Inseguivi una cazzata
Era splendida e dorata
Fresca e avvelenata
Ma il paese sa affondare
Tutto intorno a te ballare
Bestemmiando disprezzare
E riderci un po’ su

E tu vuoi fare qualcosa che serva
E farlo prima che il tuo amore si perda

Non ti accorgi che se lo vuoi tu
Quel che valeva poi non vale più

Se ti han detto resta a casa
Vola basso non scocciare

Se disprezzi puoi comprare
Se vale tutto niente vale
Se non sai più se sei un uomo
Se hai paura di sbagliare
Se hai solo voglia di pensare
Che fra poco è primavera

Adesso fa’ qualcosa che serva
Che è anche per te se il tuo paese è una merda
C’è una strada in mezzo al niente
Piena e vuota della gente
E non porta fino a casa
Se non ci vai tu

Io voglio far qualcosa che serva
Dir la verità è un atto d’amore
Fatto per la nostra rabbia che muore

Altri articoli

Ultime News

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 21 luglio 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione ordinaria, seduta pubblica, con...

15 luglio, una cena sotto le stelle per sostenere AIRC

"Cena sotto le Stelle" nel centro cittadino per sostenere la ricerca oncologica di AIRC. Il giorno 15 luglio con...

Banda ultra larga, appello alla Regione per completare i cantieri

BANDA ULTRA LARGA – Da Confartigianato Sardegna alla Regione appello a completare la BUL: infrastruttura fondamentale irrinunciabile. Matzutzi e Serra (Confartigianato Sardegna):...

Lions Club Villacidro, il 5 luglio 2020 la cerimonia del Passaggio della Campana

Il 5 luglio 2020 si è svolta nel ristorante Santa Lucia a San Gavino Monreale il Passaggio della Campana del Lions Club...

Pratiche di successione online, al via il servizio anche nel Sud Sardegna

Grazie alla semplificazione digitale della procedura, sarà possibile ridurre notevolmente i tempi della richiesta, nel pieno rispetto del distanziamento interpersonale.