23.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, Luglio 9 2020

Treni soppressi, interviene la Provincia

Da leggere

Pensioni minime, alla Regione una richiesta di bonus straordinario

COLDIRETTI PENSIONATI. BONUS STRAORDINARIO PER LE PENSIONI MINIME Un bonus straordinario che equipari per quattro mesi le pensioni minime...

8 luglio, una panchina da colorare davanti al murale di Millo

Primo appuntamento con il progetto "In Panchina senza Riserve". Mercoledì 8 luglio, alle ore 17:00 in via Pascoli, dove il gruppo Non...

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Protesta nei confronti di Trenitalia: basta con i disservizi. Dibattito sui problemi esposti dai lavoratori e dagli studenti pendolari.

Treni soppressi, interviene la Provincia
Treni soppressi, interviene la Provincia
Adesso basta. La pazienza dei pendolari che ogni giorno utilizzano il treno in direzione Cagliari o Oristano è finita a causa dei continui ritardi e delle soppressioni di treni che ormai si verificano da qualche mese a questa parte. Ed ecco che la protesta di lavoratori e studenti è stata raccolta dal Consiglio provinciale che in maniera unitaria si è impegnato nella ricerca di una soluzione al problema.

LA PROVINCIA A portare alla luce il problema è stato Ercole Colombo, membro della commissione ai trasporti. «Da diversi mesi – rimarca il consigliere – quasi ogni giorno, vengono soppresse numerose corse ferroviarie da e per Cagliari, creando disservizi e conseguenti danni ai pendolari, e provocando inoltre pesanti disagi in particolare ai lavoratori e agli studenti che usufruiscono del servizio. Le responsabilità di tali disservizi inizialmente erano addossate al personale manutentivo e di pulizia dei treni che con i loro scioperi non garantivano la sicurezza, pulizia e l’igiene degli stessi, mentre ultimamente le stesse responsabilità, vengono palleggiate da Trenitalia e da macchinisti e capi treno».

IL PROBLEMA Una situazione di non facile soluzione dal momento che sembrerebbe che le soppressioni siano dovute alla carenza di personale (il 12 per cento è andato in pensione e non è stato sostituito da Trenitalia).
«Inoltre – aggiunge Colombo – in quest’ultimo periodo la biglietteria e la stazione di San Gavino risultano spesso chiuse, recando ulteriori disagi ai lavoratori pendolari e agli studenti che subiscono anche la discontinuità delle lezioni».

IL TAVOLO Al consiglio provinciale aperto non si è presentato nessun rappresentante di Trenitalia mentre si sono fatti sentire sia i sindaci del territorio che i rappresentanti delle associazioni consumatori. Di qui la proposta, recepita dall’assessore Gigi Piano, di convocare un tavolo tecnico con Trenitalia, l’assessore regionale e i sindacati.

Altri articoli

Ultime News

Pensioni minime, alla Regione una richiesta di bonus straordinario

COLDIRETTI PENSIONATI. BONUS STRAORDINARIO PER LE PENSIONI MINIME Un bonus straordinario che equipari per quattro mesi le pensioni minime...

8 luglio, una panchina da colorare davanti al murale di Millo

Primo appuntamento con il progetto "In Panchina senza Riserve". Mercoledì 8 luglio, alle ore 17:00 in via Pascoli, dove il gruppo Non...

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...