14.1 C
San Gavino Monreale
martedì, 20 Ottobre 2020

In piazza presidio anti crisi della Cgil

Da leggere

Confartigianato Sardegna: appello a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio

Appello di Confartigianato Sardegna a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio. Matzutzi e Serra: “Abbiate buonsenso e siate...

Coronavirus, in Lombardia i sindaci chiedono il “coprifuoco” dalle 23 alle 5 del mattino. Possibile anche in Sardegna?

Una proposta destinata a far discutere e che, a seconda dei numeri potrebbe essere ricalcata in altre regioni. In Lombardia da giovedì...

Una lotteria per finanziare Casa Lions e altre opere benefiche

ll Lions Club Villacidro Medio Campidano, in un momento così difficile per le problematiche dovute al Covid-19, ha programmato la raccolta fondi...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 19.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna 15 attualmente positivi (invariati da ieri) di cui...

CGIL
CGIL

Anche il Medio Campidano il 6 maggio, in occasione dello sciopero nazionale indetto dalla Cgil, sarà in piazza. La segreteria provinciale della Camera del Lavoro del Medio Campidano ha organizzato per le 9,30 un presidio in piazza Marconi a San Gavino Monreale, paese simbolo della crisi industriale del territorio. E non poteva essere diversamente, considerata la situazione socioeconomica della provincia, tra le più povere d’Italia. «Un territorio vasto e dalle problematiche differenti con un’economia debole e una percentuale rilevante di disoccupati», afferma Efisio Lasio segretario provinciale della Cgil. La stagnazione economica di questi ultimi anni ha coinvolto in particolare l’apparato industriale. Negli ultimi tre anni sono stati persi oltre mille posti di lavoro e tanti altri si aggiungeranno se non saranno risolte vertenze come quella della fonderia di San Gavino e della Keller di Villacidro, le uniche grandi industrie ancora in attività.

E la situazione rischia di peggiorare per la pressante crisi che attanaglia le piccole e medie industrie del Guspinese-Villacidrese, le imprese edilizie che hanno visto vertiginosamente calare le commesse, l’agricoltura e ora anche il commercio (tanti piccoli negozi hanno già chiuso i battenti, ma anche la grande distribuzione comincia ad avere segnali di crisi). «L’economia è ferma e sta mettendo in grosse difficoltà le fasce più deboli», aggiunge Efisio Lasio, «Per questo il 6 maggio chiederemo alla politica regionale e nazionale uno sforzo maggiore per superare una crisi che sta creando gravi danni ad un territorio già martoriato dalla disoccupazione».

Altri articoli

Ultime News

Confartigianato Sardegna: appello a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio

Appello di Confartigianato Sardegna a imprese, lavoratori e cittadini per il rispetto delle norme anticontagio. Matzutzi e Serra: “Abbiate buonsenso e siate...

Coronavirus, in Lombardia i sindaci chiedono il “coprifuoco” dalle 23 alle 5 del mattino. Possibile anche in Sardegna?

Una proposta destinata a far discutere e che, a seconda dei numeri potrebbe essere ricalcata in altre regioni. In Lombardia da giovedì...

Una lotteria per finanziare Casa Lions e altre opere benefiche

ll Lions Club Villacidro Medio Campidano, in un momento così difficile per le problematiche dovute al Covid-19, ha programmato la raccolta fondi...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 19.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna 15 attualmente positivi (invariati da ieri) di cui...

Laboratori di analisi, è scontro con la Regione. Stop ai servizi in regime di esenzione da ticket

I laboratori privati di analisi che in Sardegna garantivano prestazioni in regime di esenzione, a causa del raggiungimento...