12.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, 29 Ottobre 2020

Ladri di biciclette

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Coronavirus, 27 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +174 nelle ultime 24 ore

Sono 174 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 27 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, 26 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +231 nelle ultime 24 ore

Sono 231 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 26 ottobre 2020 continua...

Consiglio Regionale, un’interrogazione sulla sospensione delle cure radioterapiche ai pazienti oncologici

"Ottobre, mese tradizionalmente impegnato per la campagna di prevenzione e lotta contro il tumore al seno, vede tantissime donne che potrebbero essere...

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Ladri di biciclette
Ladri di biciclette

Colpevoli che si sentiranno colpiti, mi rivolgo proprio a voi, a nome di tutti i pendolari, studenti e lavoratori, quelli che una volta scesi dal treno, si dirigono verso la propria bici, stanchi e affamati, e la trovano “diversa” da come l’hanno lasciata e a nome di quelli che invece la bici nemmeno la trovano! Non parliamo di “Ladri di biciclette” il film di De Sica del ‘48, ma di vita reale contemporanea, che ha come registi un gruppo di simpatici visitatori del parcheggio della stazione ferroviaria di San Gavino.

Questo fenomeno verrebbe da chiamarlo piuttosto “vandali di biciclette”, perché la bici che ci porta ogni giorno da casa al lavoro, o da casa alla stazione, la ritroviamo spogliata dei suoi accessori, anche dei più banali ma indispensabili, come il sellino. Spesso capita che vi divertiate a rompere i manubri, scassinare i lucchetti, spegnere sigarette sui sellini e quant’altro. Provate a mettervi nei nostri panni, alzarvi all’alba, sfacchinare in bici fino alla stazione, viaggiare un’ora, lavorare otto ore, ritornare in un’altra ora e trovare l’unico mezzo per tornare a casa, distrutto o manomesso. Capisco che siate annoiati dalla degradazione del paese e dalla disoccupazione, ma ci sono tanti altri modi per ammazzare il tempo, compreso quello di dedicarvi a voi stessi e maturare.

Non sia mai che crescendo troviate un lavoro e, chissà, proviate quello che fate provare a noi pendolari ogni giorno!

Fonte: Polly Sanna, Comprendo

Articolo precedenteStramb Fest
Articolo successivoIl Centro di Aggregazione Sociale

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 28.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri, a seguito di +1 positivo  e -1 guarito)...

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Chiusura alle 18 di bar, ristoranti e locali. Confartigianato: “A rischio l’indotto”

Chiusura alle 18 di bar, ristoranti e locali: il timore delle 5mila imprese artigiane collegate alla ristorazione. Matzutzi e Serra (Confartigianato Sardegna):...

Arriva la prima casa dell’acqua a San Gavino Monreale

A breve anche San Gavino avrà la sua "casa dell'acqua". Il progetto - come dichiara Claudio Seda, promotore della nuova idea imprenditoriale...