20.3 C
San Gavino Monreale
sabato, Maggio 30 2020

Giornata della Memoria, per non dimenticare

Da leggere

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, calano i positivi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Nicola Frongia

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Un francobollo per i 100 anni del Cagliari Calcio

Poste Italiane comunica che oggi 30 maggio 2020 è stato emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie...

Calcetto con gli amici, si riparte il 15 giugno?

Buone notizie per i tantissimi appassionati di sport, anche amatoriale. La fonte è autorevole: il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Saremo sinceri, fino a qualche anno fa l’istituzione di una “Giornata della Memoria” non ci convinceva più di tanto. Ci chiedevamo infatti “ma come si potrebbe dimenticare di quell’orrore?” e ci sembrava una celebrazione superflua, antiquata, sorpassata.

Da qualche anno, complice forse la crisi – che alimenta l’odio e la rabbia delle persone – o forse solo grazie ai social network – che permettono a tutti di esprimere il proprio pensiero senza filtri, ci siamo resi conto che c’è bisogno (purtroppo) di ricordare quali sono state, e quali sono, le conseguenze di pensieri e parole che sconfinano nel reato di istigazione al razzismo (L.N.205 25/06/1993).

Oggi nelle piazze, nelle televisioni e anche sul web ci saranno tantissime iniziative per ricordare lo sterminio nazista nei campi di concentramento. Non vogliamo aggiungere altro, se non lasciarvi ad un breve brano di Bertolt Brecht, che riassume efficacemente la situazione che stiamo vivendo, anche a San Gavino Monreale.

Giornata della Memoria, per non dimenticare
Giornata della Memoria, per non dimenticare

 

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari.
E fui contento perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei.
E stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare.

Bertolt Brecht

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, calano i positivi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Nicola Frongia

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Un francobollo per i 100 anni del Cagliari Calcio

Poste Italiane comunica che oggi 30 maggio 2020 è stato emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie...

Calcetto con gli amici, si riparte il 15 giugno?

Buone notizie per i tantissimi appassionati di sport, anche amatoriale. La fonte è autorevole: il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Aumento dei prezzi, il “contributo Covid” non esiste

Da Confartigianato Sardegna lo stop alle polemiche sul “contributo Covid” di acconciatori ed estetisti: “Non esiste e non può essere applicato”. Matzutzi...