25.7 C
San Gavino Monreale
sabato, Giugno 6 2020

La sicurezza nelle nostre case

Da leggere

Convocazione del Consiglio Comunale – 8 giugno 2020

Come concordato e deciso all’unanimità nella seduta del 04/06/2020 (assente solamente il Consigliere Garau), il Consiglio Comunale viene convocato per  il giorno...

Trasferimento del Servizio di Diabetologia, la nota dei sindaci

Una nota congiunta dei Sindaci della Conferenza Socio Sanitaria di Sanluri, riunitisi qualche giorno fa in una riunione a Lunamatrona per opporsi...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Claudia Serra

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

Il furto all’interno di un’abitazione è una delle cose più spiacevoli possano capitare perché colpisce l’intimità, i ricordi e la sfera privata.

Ci sono dei semplici consigli affinché una casa possa evitare di diventare un bersaglio di alcuni malintenzionati, e la cosa più importante è riuscire a seguirli sempre, anche quando l’assenza è davvero breve.

Ladri in azione
Ladri in azione

Ci riferiamo al chiudere bene tutte le porte e le finestre, proteggere la casa con grate e porte blindate non è una cattiva idea. Illuminare il più possibile le zone esterne della casa. Eventualmente esistono anche dei timer che accendono e spengono le luci in autonomia, il buio è un amico dei furti.

Svuotare sempre la cassetta delle lettere o, tramite dei buoni vicini se l’assenza è duratura, aiutatevi a vicenda: il buon vicinato è un grandissimo alleato contro queste spiacevoli situazioni. Cercate inoltre di evitare di scrivere, nei social network, ogni vostro spostamento. Dotate la casa di un buon sistema d’allarme che comunichi ogni intrusione celermente e che faccia scattare la sirena, il rumore, così come la luce, è odiato dai ladri.

Anche un impianto di videosorveglianza è un buon deterrente, e grazie alle moderne tecnologie, basta uno smartphone per tenere la situazione sotto controllo. La centrale di un impanto antintrusione dev’essere di buona qualità ma soprattutto deve avere una batteria autonoma, questo perché deve poter “lavorare” anche quando manca l’energia elettrica. I migliori sensori interni invece sono quelli che sfruttano la doppia tecnologia: rilevano sia i movimenti che la temperatura del corpo umano.

Degli allarmi tutti noi, ricordiamo le sirene che suonavano per ore e ore senza mai smettere, attualmente per legge un ciclo di suonata non può superare i tre minuti e va da sé che una buona sirena dev’essere munita di sistema antistrappo e antischiuma, per evitare sabotamenti da parte dei delinquenti.

Gli esperti ci ricordano che gli impianti vanno installati da aziende certificate e devono essere soggetti a controlli e manutenzioni programmate. Ci ricordano inoltre che sarebbe bene fotografare gli oggetti preziosi, in modo da riaverli prontamente una volta ritrovata l’eventuale refurtiva.

I consigli affinché la vita privata delle persone non sia violata, ve li abbiamo esposti, ma leggendo una relazione di criminologi dell’Università della North Carolina, notiamo che la cosa che più fa allontanare i ladri è la presenza di persone sul posto, al secondo posto i rumori dentro la casa, al terzo posto la presenza di un allarme e la vista dei vicini di casa (ciò riporta ai buoni rapporti di vicinato). Potremo scrivere ora i metodi che usano i malintenzionati per capire se la casa sia un buon bersaglio, ma ovviamente, evitiamo.

Fonte: Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Convocazione del Consiglio Comunale – 8 giugno 2020

Come concordato e deciso all’unanimità nella seduta del 04/06/2020 (assente solamente il Consigliere Garau), il Consiglio Comunale viene convocato per  il giorno...

Trasferimento del Servizio di Diabetologia, la nota dei sindaci

Una nota congiunta dei Sindaci della Conferenza Socio Sanitaria di Sanluri, riunitisi qualche giorno fa in una riunione a Lunamatrona per opporsi...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Claudia Serra

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...