10.5 C
San Gavino Monreale
martedì, 20 Ottobre 2020

Euro 2001 a Cagliari per accogliere i profughi

Da leggere

Coronavirus, in Lombardia i sindaci chiedono il “coprifuoco” dalle 23 alle 5 del mattino. Possibile anche in Sardegna?

Una proposta destinata a far discutere e che, a seconda dei numeri potrebbe essere ricalcata in altre regioni. In Lombardia da giovedì...

Una lotteria per finanziare Casa Lions e altre opere benefiche

ll Lions Club Villacidro Medio Campidano, in un momento così difficile per le problematiche dovute al Covid-19, ha programmato la raccolta fondi...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 19.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna 15 attualmente positivi (invariati da ieri) di cui...

Laboratori di analisi, è scontro con la Regione. Stop ai servizi in regime di esenzione da ticket

I laboratori privati di analisi che in Sardegna garantivano prestazioni in regime di esenzione, a causa del raggiungimento...

Anche i volontari dell’Euro 2001 di San Gavino, sono stati impegnati durante le operazioni di arrivo degli oltre 800 profughi, presso il Porto Canale di Cagliari.

Cagliari ieri ha vissuto lo sbarco di migranti più imponente mai registrato in Sardegna: delle 880 persone arrivate nell’Isola, le donne sono 118, i bambini 28 bambini e i neonati sono due. Sono partiti da Eritrea, Etiopia, Gambia e Siria, Paesi dai quali provengono molti dei rifugiati politici accolti dall’Europa. Si tratta di persone che fuggono dalla guerra o da regimi dittatoriali, oltre che dalla miseria. Tra loro, una donna incinta che ha raccontato di essere caduta in acqua prima che le navi della “Operazione Triton” – la missione dell’Unione europea che ha preso il posto della operazione italiana “Mare Nostrum” – la salvassero. Un’altra ha visto il marito morire annegato.

Oggi pomeriggio i migranti sono arrivati al Porto Canale di Cagliari. Sono stati scortati dalla nave militare tedesca “Hessen”, che li ha portati in salvo, fino alla banchina con gli autobus pronti ad accompagnarli nelle strutture temporanee di accoglienza approntate in tutta l’isola, in mezzo le tende per l’assistenza e le visite sanitarie.

Tra le associazioni presenti, anche la sangavinese Euro 2001, che ha dato supporto logistico e assistenza ai migranti. Per tutto il pomeriggio sono infatti proseguite senza sosta le visite mediche ai migranti sbarcati dalla “Hessen”: a parte qualche persona che ha avuto bisogno di cure ospedaliere, tutti gli altri sono stati trovati in buona salute nonostante la pesante traversata e i giorni in viaggio.

Fonte: Sardinia Post

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus, in Lombardia i sindaci chiedono il “coprifuoco” dalle 23 alle 5 del mattino. Possibile anche in Sardegna?

Una proposta destinata a far discutere e che, a seconda dei numeri potrebbe essere ricalcata in altre regioni. In Lombardia da giovedì...

Una lotteria per finanziare Casa Lions e altre opere benefiche

ll Lions Club Villacidro Medio Campidano, in un momento così difficile per le problematiche dovute al Covid-19, ha programmato la raccolta fondi...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 19.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna 15 attualmente positivi (invariati da ieri) di cui...

Laboratori di analisi, è scontro con la Regione. Stop ai servizi in regime di esenzione da ticket

I laboratori privati di analisi che in Sardegna garantivano prestazioni in regime di esenzione, a causa del raggiungimento...

San Gavino Monreale, ritrovato mazzo di chiavi

Riceviamo e pubblichiamo un annuncio da parte di una lettrice. Chiediamo massima condivisione al fine di arrivare al proprietario del mazzo di...