#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Tziviriu, incompiute nella periferia di San Gavino

Tziviriu è un piccolo quartiere di periferia, relativamente recente rispetto alle aree storiche di San Gavino Monreale. Anche se nella nostra cittadina è difficile parlare di quartieri e si ragiona in termini di “bixinaus”, per ovvie ragioni di estensione. Recentemente abbiamo parlato proprio di “Su Bixinau de Tziviriu” e delle iniziative popolari per la riqualificazione delle sue aree verdi.

Tziviriu, incompiute nella periferia di San Gavino

Alcuni residenti, però, lamentano una pluridecennale situazione ai limiti del vivibile: grandissima parte di Tziviriu infatti risulta senza marciapiedi e con illuminazione pubblica realizzata solo da qualche anno a questa parte. Inoltre lo stato di abbandono risulta più evidente quando cresce l’erba lungo la strada, non falciata con la frequenza minima necessaria. Ognuno cura il proprio “pezzo” di strada, ma non sempre questo è sufficiente per mantenere il quartiere ordinato e vivibile.

Abbiamo incontrato alcuni dei residenti e raccolto il loro sfogo, quasi sconsolato dopo anni di quelle che definiscono “gravi mancanze” da parte delle varie amministrazioni che si sono succedute negli ultimi 20 anni circa: “Abbiamo costruito in un lotto della cosiddetta lottizzazione “Tziviriu 2”. Il terreno fu acquistato a suo tempo, da mio suocero e furono pagati tutti gli oneri di lottizzazione tra cui allaccio acqua, fogna ed energia elettrica nonché frazionamento e marciapiedi. Quando, o per meglio dire, prima di cominciare a costruire, abbiamo versato ben cinque milioni e quattrocentomila lire per diritti di “Bucalossi”, tutto questo nel lontano 2000!”

Insomma, ai tanti residenti di Tziviriu piacerebbe essere trattati come cittadini di “Serie A” e di non finire, per l’ennesima volta, nel dimenticatoio.

Noi cercheremo di dar voce, tramite foto e testimonianze, anche agli angoli “meno considerati” del paese, perché tutti i cittadini abbiano pari diritti e pari servizi.

Lascia un commento