16.1 C
San Gavino Monreale
lunedì, Giugno 1 2020

Bufala email con account hackerato e richiesta riscatto in bitcoin: la Polizia Postale avverte

Da leggere

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Attenzione! Torna l’allarme delle bufale via email, contenenti un tentativo di truffa.

Il nuovo attacco riguarda diverse caselle di posta elettronica che vengono utilizzate in Italia. La catena aveva preso piede giorni fa, ma da quello che ci risulta in tanti oggi 19 settembre stanno ricevendo il messaggio che vogliamo portare alla vostra attenzione, non solo sulle mail aziendali così come era emerso in un primo momento. Ecco perché occorre capire bene in cosa consiste questo messaggio, ma soprattutto la richiesta del finto hacker, così come il testo originale per essere sicuri di essere al cospetto di un tentativo di frode.

Bufala email con account hackerato e richiesta riscatto in bitcoin: la Polizia Postale avverte
Bufala email con account hackerato e richiesta riscatto in bitcoin: la Polizia Postale avverte

Quello dell’account hackerato, in merito alla propria mail, rappresenta un maldestro tentativo di ricatto, con il mittente che chiede un riscatto di 300 bitcoin da girare ad conto preciso, affinché non vengano diramate immagini che ci ritrarrebbero mentre siamo intenti a visualizzare un contenuto per adulti. In sostanza, si afferma che tramite una webcam siamo stati monitorati proprio al momento delle visite ai suddetti siti che in qualche modo potrebbero rovinare la nostra reputazione e che solo attraverso il pagamento di un riscatto sarà possibile scongiurare questo scenario.

Ecco, ad esempio, il messaggio arrivato anche alla nostra redazione. 

“Salve! Come avrai già indovinato, il tuo account ****@**** è stato hackerato, perché è da lì che ho inviato questo messaggio. 
Io rappresento un gruppo internazionale famoso di hacker.
Nel periodo dal 22.07.2018 al 14.09.2018, su uno dei siti per adulti che hai visitato, hai preso un virus che avevamo creato noi.
In questo momento noi abbiamo accesso a tutta la tua corrispondenza, reti sociali, messenger.
Anzi, abbiamo i dump completi di questo tipo di informazioni.

Siamo al corrente di tutti i tuoi “piccoli e grossi segreti”, sì sì… Sembra che tu abbia tutta una vita segreta.
Abbiamo visto e registrato come ti sei divertito visitando siti per adulti… Dio mio, che gusti, che passioni tu hai… 

Ma la cosa ancora più interessante è che periodicamente ti abbiamo registrato con la web cam del tuo dispositivo, sincronizzando la registrazione con quello che stavi guardando!
Non credo che tu voglia che tutti i tuoi segreti vedano i tuoi amici, la tua famiglia e soprattutto la tua persona più vicina.

Trasferischi 300$ sul nostro portafoglio di criptovaluta Bitcoin: 1LXxZyP7CKybaXA6jELu5YJ6UQzbdZz8RP
Garantisco che subito dopo provvederemo a eliminare tutti i tuoi segreti!
Dal momento in cui hai letto questo messaggio partirà un timer.
Avrai 48 ore per trasferire la somma indicata sopra.

Appena l’importo viene versato sul nostro conto tutti i tuoi dati saranno eliminati!
Se invece il pagamento non arriva, tutta la tua corrispondenza e i video che abbiamo registrato automaticamente saranno inviati a tutti i contatti che erano presenti sul tuo dispositivo nel momento di contagio!

Mi dispiace, ma bisogna pensare alla propria sicurezza!
Speriamo che questa storia ti insegni a nascondere i tuoi segreti in una maniera adeguata!
Stammi bene!”.

Gli esperti di Bufale.Net hanno interpellato la Polizia Postale a proposito dell’account hackerato,scoprendo che le segnalazioni sono state molteplici. A breve, attraverso alcune pagine Facebook gestite dallo staff addetto ai canali social, dovremmo visualizzare un messaggio che ci metterà in guardia da questa nuova pratica pensata per estorcere denaro agli utenti meno esperti di queste dinamiche.

Fonte: Bufale.Net

Altri articoli

Ultime News

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 30 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...