20.2 C
San Gavino Monreale
sabato, Giugno 6 2020

Mercato libero dell’energia: come prepararsi al meglio a questo cambiamento

Da leggere

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...

Coronavirus, due nuovi casi a San Gavino Monreale

Due nuovi casi di positività al coronavirus nel Sud Sardegna: questo quanto emerso nel nuovo bollettino diramato dalla Protezione Civile alle 17:00....

San Gavino, 100 mila euro per le partite IVA

Durante la seduta del Consiglio Comunale del 4 giugno 2020 è stato annunciato che il Comune di San Gavino Monreale è riuscito...

Manca poco più di un anno all’entrata in vigore, in modo esclusivo, del mercato libero dell’energia, dove ogni consumatore dovrà obbligatoriamente scegliere il proprio fornitore e tariffa per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica.

Si tratta di un cambiamento storico, dopo decenni di monopolio Enel di tutte le diverse componenti: produzione, trasmissione, dispacciamento, distribuzione e vendita.

Mercato libero dell’energia: come prepararsi al meglio a questo cambiamento
Mercato libero dell’energia: come prepararsi al meglio a questo cambiamento

La distribuzione e la vendita, con i vari decreti governativi introdotti nel corso degli ultimi anni, è diventata libera e il processo completo si concluderà con il prossimo luglio 2020.

Fino a tale data per il cliente c’è la possibilità di scegliere da una parte il nuovo mercato libero, oppure il servizio di maggior tutela, che utilizza il tariffario ARERA, l’authority che regola le condizioni economiche fissando il prezzo dell’energia.

Questo servizio di maggior tutela, prorogato ancora per un anno, scomparirà con il primo di luglio 2020, data in cui tutti coloro che non sono ancora passati al mercato libero dovranno farlo obbligatoriamente, scegliendo un fornitore per la luce e per il gas.

Il passaggio da un sistema all’altro è meno traumatico del previsto, risulta gratuito e il servizio al cliente non sarà interrotto mantenendo lo stesso contatore, cambierà solo la gestione della fatturazione di quanto consumato.

Il mercato libero propone una vasta gamma di fornitori e di offerte energia elettrica, con tariffe che vengono incontro alle esigenze di ogni genere di clientela, come quelle messe a disposizione da E.ON, che con le offerte LuceClick offre una soluzione semplice, vantaggiosa e digital-oriented per chi vuole risparmiare, attivabile online in pochi passaggi.

Questo mercato mette in atto dei meccanismi virtuosi di libera concorrenza che favoriscono il calo generale dei prezzi e la possibilità di ricevere dei servizi migliori e completi.

L’unico aspetto di questo nuovo paradigma cui prestare attenzione è quello riguardante la scelta del fornitore e della tariffa, una riflessione importante che deve essere fatta non solo sulla base della convenienza delle offerte, ma anche in considerazione delle proprie esigenze e utilizzo.

Nel mercato è possibile trovare offerte con tariffe biorarie o monorarie, che hanno prezzi di base differenti sulla base del numero delle ore e a quali momenti della giornata si utilizza la corrente, c’è poi anche l’aspetto del prezzo bloccato.

I contratti proposti possono avere il prezzo bloccato per uno o due anni, qui va scelta la soluzione più adatta alle proprie esigenze, ovviamente il prezzo bloccato per più tempo può essere più o meno vantaggioso in base al prezzo generale del mercato dell’energia elettrica.

Infine, il cliente potrà sottoscrivere anche delle offerte dual-fuel, per la fornitura di elettricità e gas dallo stesso fornitore, potendo contare su offerte ulteriormente vantaggiose.

Per chi ha a cuore l’ambiente, sono disponibili molte soluzioni “green” che permettono la fornitura di energia proveniente da fonti rinnovabili, certificata dal Gestore Servizi Energetici, contribuendo così alla salvaguardia del pianeta e all’utilizzo delle fonti alternative a quelle legate al consumo di fonti fossili.

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...

Coronavirus, due nuovi casi a San Gavino Monreale

Due nuovi casi di positività al coronavirus nel Sud Sardegna: questo quanto emerso nel nuovo bollettino diramato dalla Protezione Civile alle 17:00....

San Gavino, 100 mila euro per le partite IVA

Durante la seduta del Consiglio Comunale del 4 giugno 2020 è stato annunciato che il Comune di San Gavino Monreale è riuscito...

Allerta meteo gialla fino a mezzogiorno del 5 giugno 2020

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile, in data odierna, ha emesso a partire dalle ore 15:00 del 04.06.2020 e sino alle 11:59...