14.6 C
San Gavino Monreale
martedì, 27 Ottobre 2020

Sardegna, test rapidi in entrata per vacanze sicure e responsabili

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 26 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +231 nelle ultime 24 ore

Sono 231 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 26 ottobre 2020 continua...

Consiglio Regionale, un’interrogazione sulla sospensione delle cure radioterapiche ai pazienti oncologici

"Ottobre, mese tradizionalmente impegnato per la campagna di prevenzione e lotta contro il tumore al seno, vede tantissime donne che potrebbero essere...

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, Conte prepara il nuovo DPCM: stop a palestre e cinema, chiusura dei ristoranti alle 18 e stretta sul weekend

Lungo vertice a Palazzo Chigi tra il Giuseppe Conte e i capi delegazione per ragionare sulla nuova stretta per il coronavirus. Tra...

“Test rapidi in tutti i punti di arrivo della Sardegna, porti e aeroporti”. Lo chiede Faita Sardegna per garantire una reale vacanza sicura.

“Nei nostri campeggi garantiamo oltre 100 metri quadri di spazio a persona ma è necessario a monte, come dicemmo già a fine maggio anche il test perché, vista l’emergenza, oltre al buon senso e alla buona fede (che abbiamo riscontrato essere diffusa ma soggetta all’errore) è necessario anche il rigore dei dati scientifici che garantiscono la giusta serenità a tutti per poter convivere con il Covid e poter usufruire delle vacanze spensierate di cui abbiamo bisogno quest’anno più che mai” spiega Nicola Napolitano, presidente regionale di Faita, l’associazione dei campeggi.  

A causa dell’emergenza sanitaria, oggi anche economica, l’industria del turismo sardo quest’anno è in profondo rosso: nel 2019 le presenze nei campeggi furono 2,6 milioni con un fatturato di circa 230milioni di euro. L’obiettivo di questa stagione disastrosa è riuscire a salvare al meno il 20% fermando le perdite all’80%.

“Come abbiamo detto da fine maggio – ricorda il presidente di Faita Nicola Napolitano – la  tutela della salute è un diritto individuale irrinunciabile, sancito dalla costituzione e non può essere contrapposto all’interesse economico. Questi mesi confusi ci hanno comunque insegnato che le persone sono il  veicolo del virus, e sono loro che lo portano in giro per il mondo. Per questo non c’è ragione per non sottoporsi ad un tampone, un test o come lo vogliamo chiamare per mapparne la diffusione e accertarsi di essere sano. Questo è l’affermazione del principio di giustizia della salute, ed è il modo migliore anche per dare una chance alla tenuta del turismo. Un modello che dovrebbe adottarsi in tutto il mondo a garanzia delle persone e dei contesti economici e sociali coinvolti”.

Per Faita Sardegna è fondamentale lavorare in sicurezza  e dare sicurezza: “è la richiesta che arriva dagli stessi turisti. Noi offriamo vacanze, e queste devono potersi realizzare senza  tensione, sospetto o diffidenza del prossimo. La sicurezza dei turisti – e speriamo che questo messaggio sia stato recepito finalmente da tutti i livelli istituzionali – è la più forte arma di marketing e promozione di un territorio. Non possiamo giocare alla roulette russa, con la probabilità che uno autocertifichi in buona fede l’essere sano (ma non lo è), mettendo a repentaglio la salute e l’economia di una azienda”.

Adesso, visto il poco tempo a disposizione che rimane per la chiusura della stagione estiva, occorre agire immediatamente mettendo in campo un sistema sicuro quanto agevole che garantisca vacanze per i turisti e lavoro per le attività turistiche.

La Sardegna era ed è una metà sicura grazie anche al comportamento esemplare e alla grande responsabilità che “abbiamo avuto modo di testare in questo mese e mezzo di apertura delle nostre strutture, dove le misure di sicurezza sono state rispettate. E’ chiaro, come dicemmo a fine maggio che senza i test scientifici e basandoci solo sull’autocertificazione incorriamo facilmente in errori seppur in buona fede che rischiano di pregiudicare anche gli ultimi scampoli di questa stagione”.

Pr questo Faita Sardegna lancia l’hashtag #responsabilidellanostrasicurezza, “a favore appunto di tutti quei comportamenti che permetteranno di vivere d’ora in poi la nostra isola in maniera rispettosa e responsabile”.

Articoli correlati

Ultime News

Gonnosfanadiga, intervista al nuovo Sindaco Andrea Floris

"Speravamo di vincere le elezioni, ma il risultato mi premia oltre ogni misura, mi responsabilizza e mi emoziona moltissimo. Grazie ai concittadini...

Arbus, intervista al nuovo Sindaco Andrea Concas

"Io e la mia squadra metteremo in campo tutto il nostro impegno per risolvere le problematiche che assillano la nostra comunità".

Guspini, intervista al riconfermato sindaco Giuseppe De Fanti

"Eravamo fiduciosi che quello che abbiamo realizzato in questi 5 anni venisse apprezzato. Moltiplicheremo il nostro impegno e il nostro essere al...

Intervista al riconfermato sindaco di Pabillonis Riccardo Sanna

"Siamo soddisfatti, abbiamo la forza e l'energia per andare avanti e fare sempre meglio. Grazie ai concittadini per aver confermato la loro...