17.7 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 25 Novembre 2020

La Brexit ora fa paura alle imprese sarde

Emergenza sanitaria

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Coronavirus in Sardegna, 23 novembre: i dati dei contagi (+505) e dei guariti (+283) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 505 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 505 nuovi casi emersi dall'analisi di 2.589 tamponi e...

Coronavirus in Sardegna, 22 novembre: i dati dei contagi (+404) nelle ultime 24 ore. Altri 10 decessi

Covid-19, in Sardegna salgono a 18.493 i casi di positività da inizio pandemia. Dai dati diramati dall'unità di crisi regionale sono 404 i nuovi positivi...

Villacidro, 19 nuovi casi di Coronavirus: i casi salgono a 67

A Villacidro il bollettino Covid-19 si fa preoccupante. La sindaca Marta Cabriolu ha comunicato l'esplosione dei contagi nel paese: sono 19 i nuovi casi...

Rossella Pinna contro l’Assessorato alla Sanità: “Grave ritardo sull’attuazione della campagna vaccinale antinfluenzale”

"Siamo a novembre, in piena seconda ondata di Covid e di fatto la campagna vaccinale è solo accennata, i nostri concittadini più fragili e...

Poco più di 3 mesi e l’addio della Gran Bretagna all’Unione Europea sarà realtà: i timori delle imprese artigiane sarde. Circa 90 milioni di euro il commercio tra Sardegna e Oltremanica: agroalimentare il settore più esposto. Matzutzi e Serra (Confartigianato Sardegna): “Senza accordi i problemi potrebbero essere molto seri. Le imprese si preparino a trattare con un Paese Terzo, senza le regole UE”.

Mancano poco più di 3 mesi dall’uscita effettiva e definitiva della Gran Bretagna dall’Unione Europea e le imprese che commercializzano i propri prodotti sul territorio inglese, anche quelle sarde, non hanno certezze sul futuro mercato d’Oltremanica. Soprattutto in considerazione di una, per ora solo ventilata, mancata intesa tra Londra e Bruxelles che porrebbe in seria difficoltà le realtà imprenditoriali europee che rischierebbero di non poter più accedere, se non con grande difficoltà, a un mercato importante come quello britannico.

Dopo tanti dibattiti e attese, la Brexit, in ogni caso, sarà realtà dal prossimo primo gennaio – commentano Antonio Matzutzi, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna, e Daniele Serra, Segretarioe quindi, dal 2021 cambieranno molte cose per chi esporta o opera in questa nazione”.

Già da ora gli interrogativi delle imprese sono molti: cosa cambierà per chi vende prodotti nel Regno Unito? Come si dovranno comportare gli artigiani dell’area Casa per effettuare opere sul posto? Ci saranno delle complicazioni o verranno introdotte delle facilitazioni?

Il rapporto commerciale tra Regno Unito e Italia, e quindi anche con la nostra Sardegna – continuano Matzutzi e Serra è stato sempre molto attivo, soprattutto per la qualità dei prodotti Made in Italy”. “Dall’agroalimentare alla moda, dai prodotti in legno e metallo fino all’arredamento o ai prodotti del “sistema casa”, come per esempio piastrelle e rubinetteria – rimarcano Presidente e Segretariosolo per la Sardegna, questo tesoretto di scambio commerciale vale circa 90 milioni di euro. Questa cifra, fra qualche mese, sarà fortemente a rischio e siamo molto preoccupati”.

Secondo Confartigianato Sardegna, se l’uscita dell’Inghilterra dall’UE avvenisse senza accordo, il “no deal”, il problema più importante che anche le aziende sarde dovrebbero immediatamente affrontare, sarebbe quello relativo a ciò che, attualmente, dal punto di vista tecnico, non può essere definito “esportazione” ma che potrebbe diventare improvvisamente, con la conseguente introduzione della normativa doganale europea”.

Si tratta, pertanto, di una svolta importante, in considerazione del numero di settori coinvolti e dei tempi ristrettissimi di applicazione – puntualizzano Matzutzi e Serrainfatti, difficile pensare che un cambiamento così radicale non determini un impatto negativo sulle quote di import/export con il Regno Unito, almeno nel breve periodo

Secondo le segnalazioni che Confartigianato Sardegna ha raccolto in questi mesi dagli imprenditori sardi, le principali preoccupazioni sono 2: l’eventuale applicazione di IVA e dazi, e l’aumento della burocrazia. Nel primo caso, l’applicazione dell’IVA alle merci esportate e l’eventuale introduzione di dazi, comporterebbe un maggiore costo finale per l’acquirente inglese che, visto l’aumento di prezzo, potrebbe anche rinunciare a quel bene. Problema che, secondo le imprese, non dovrebbe porsi per i prodotti sardi, essendo fortemente tipicizzati, regionalizzati, molto richiesti e, una buona parte dei quali, non sostituibili da prodotti locali inglesi tantomeno da beni che potrebbero arrivare da altre nazioni. Nel secondo caso, il timore più grande, anche prima dell’aumento delle tasse, è quello di un “fiorire” di norme, leggi, direttive, circolari esplicative che andrebbero a ingrossare il carico burocratico che già grava sulle attività produttive italiane. E, come si sa, l’incertezza non favorisce le aziende e le “non decisioni” danneggiano le attività imprenditoriali.

A fronte di questo, l’auspicio è che fino all’ultimo istante siano posti in campo tutti gli sforzi possibili per trovare un accordo che consenta una uscita ‘ordinata’ o comunque concordata – aggiungono Matzutzi e Serra lo scenario internazionale è in questo periodo così complesso che una ulteriore complicazione, proprio “sull’uscio di casa”, sarebbe deleteria per gli operatori economici, anche dal punto di vista psicologico”.

L’invito che Confartigianato Sardegna rivolge agli imprenditori sardi è quello di essere, in ogni caso, preparati al fatto che il Regno Unito possa diventare, a tutti gli effetti, un Paese terzo.

Però il timore più grande è quello di tornare indietro di decenni – sottolineano Presidente e Segretariopassando da una situazione di libera circolazione di merci e lavoratori ad una frattura profonda, fatta di chiusura dei mercati e ripristino di dazi e tariffe, sia da una parte che dall’altra”. “Come Associazione Imprenditoriale – concludono Matzutzi e Serrasiamo fiduciosi che l’Italia e l’Europa saranno in grado di trovare le modalità necessarie per gestire e minimizzare le ricadute di quanto si potrà verificare

Articoli correlati

Ultime News

Convegno “Vite da Narcisi”, il link per la diretta streaming

Si invita la popolazione a partecipare al convegno, ricordando che per assistervi basta collegarsi al canale Youtube dell'Amministrazione comunale con il link sottostante:https://www.youtube.com/channel/UC3cY68XvZKYf0AnHt95nxnAoppure, direttamente a https://www.youtube.com/watch?v=_9ahyJmpyq8  Se...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Coldiretti: “Per l’agnello IGP serve un’azione forte e unitaria dal pastore alla tavola”

Controlli lunga la filiera dell’agnello di Sardegna Igp, sul mercato e valorizzazione del prodotto locale. È l’appello di Coldiretti Nuoro Ogliastra che vista la...

Comprare locale per rendere il Natale meno amaro, la campagna di Coldiretti Sardegna

Le festività natalizie saranno condizionate dalle possibili misure previste a fine anno per contenere il contagio Covid. Secondo una analisi Coldiretti/Ixè i mancati spostamenti...