22.2 C
San Gavino Monreale
giovedì, 30 Maggio 2024

Poliambulatorio, un sit-in per esprimere dubbi e incertezze. Il Sindaco Tomasi: “I servizi resteranno a San Gavino”

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Eventi e manifestazioni

San Gavino Monreale . Net è anche su WhatsApp e Telegram.
Clicca sui link per iscriverti ai nostri canali e ricevere tutte le news sul tuo smartphone.

Dopo l’allarme dei sindacati sulla presunta e imminente chiusura definitiva del poliambulatorio di via Nurazzeddu, tra i cittadini di San Gavino Monreale serpeggiano paura e preoccupazione per quello che sarebbe l’ennesimo scippo alla sanità locale.

Dopo lo spostamento o ridimensionamento di diversi servizi (tra i tanti problemi degli ultimi anni bisogna citare oculistica, diabetologia e farmacia), come denunciato dalla FIALS, c’è il rischio di veder spostati i medici del poliambulatorio in altri paesi (che farebbero carte false per accaparrarsi altri servizi, come dicono i più maligni).

Dopo il tam-tam mediatico generato dal nostro articolo, abbiamo sentito il sindaco di San Gavino Monreale, Carlo Tomasi, per chiedere conferma (o smentita) della chiusura dell’ambulatorio.

Il problema di fondo è il contratto di locazione – in scadenza a fine primavera, poi prorogato e ora nuovamente in scadenza – tra i proprietari dello stabile in via Nurazzeddu e la ASL. Per ovviare al problema il l’Amministrazione Tomasi aveva messo a disposizione dei locali in via Pascoli di proprietà del Comune che però necessitavano di alcuni interventi di ristrutturazione che ad oggi non sono stati completati.

“La cosa importante è che i servizi rimangano a San Gavino – spiega il primo cittadino – e abbiamo avito rassicurazioni dall Dott. Giorgio Carboni, non ho motivi per dubitare della parola del Direttore Generale della ASL”.

I pazienti dunque dovranno continuare a recarsi a San Gavino o saranno rimbalzati altrove? “Alcuni dottori verranno trasferiti all’ospedale – rassicura Tomasi – ma verrà trovata una soluzione affinché i pazienti non debbano spostarsi. Il problema principale è quello dei dentisti, che si pensava di mettere in via Pascoli: è un servizio che manca da tre anni per mancanza di locali idonei, e non lo erano nemmeno quelli di via Nurazzeddu”.

Carlo Tomasi comunque vuole fare chiarezza in una seduta pubblica dell’assemblea consiliare: “Al prossimo consiglio comunale inviteremo il Direttore Generale della ASL per affrontare l’argomento davanti ai cittadini”.

Nel frattempo, però, è scattata la mobilitazione generale, con un sit-in organizzato dai “Cittadini Attivi” di San Gavino che lunedì 26 settembre presenzieranno pacificamente davanti al Poliambulatorio di via Nurazzeddu, “per mostrare la preoccupazione di un’intera comunità”.

Pubblicità

Articoli correlati

Ultime News