25.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Giugno 3 2020

Carnevale: dalla Sartiglia alla kermesse tempiese, in Sardegna all’insegna della tradizione

Da leggere

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Carnevale
Carnevale

A Santu Lussurgiu si corre Sa carrela ‘e nanti, una corsa sfrenata nella via principale del paese, ‘sa carrela’ appunto, dove i cavalieri, singolarmente o in coppia, imboccano al galoppo la stretta via per dimostrare abilità e coraggio a cavallo, mentre a Ghilarza carnavale è festeggiato con ‘Sa cursa a sa pudda’, la corsa alla gallina, che consiste nel centrare correndo, a cavallo al galoppo sfrenato, una gallina (di pezza) appesa ad un nastro al centro della strada.

In Gallura, ad Olbia, il carnevale è organizzato quest’anno in forma low cost a causa della crisi, ma i carri sfileranno ugualmente per le vie della citta’, cosi’ come a Tempio Pausania, dove il carro di Re Giorgio, la promessa sposa Mannena, gli Ambasciatori , accompagnati dagli 11 carri allegorici, dai gruppi ospiti e, per la prima volta, da due gruppi di majorettes autoctone, sfileranno per il centro della citta’.

A Cagliari su ‘Cancioffali‘ (il carciofaio) un tiranno, o meglio l’idealizzazione dei tiranni che i cagliaritani mandarono al rogo, sfilerà per le vie della città accompagnato dalla ‘ratantina‘, un ritornello scandito dal suono dei temburini, fino al luogo del processo. Sarà difeso dall’avvocato “Carrabusu” (carro a buoi), che farà il possibile davanti alla giuria, ma alla fine, “com’è giusto che sia per i tiranni“, il re finirà sul rogo. Carnevale in salse diverse quindi in Sardegna, da quelli dissacranti e moderni di Olbia, Tempio e Cagliari, ma anche Iglesias e San Gavino, a quelli tradizionali, di Oristano e della Barbagia, sicuramente più carichi di fascino e storia, che anche quest’anno allieteranno, a suon di vernaccia, novelli e frittelle, la domenica ed il martedì grasso per la gioia degli appassionati.

Fonte: Adnkronos

Altri articoli

Ultime News

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...