#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Morte in sala parto, i medici non hanno responsabilità

Romina, medici senza colpe

Romina, medici senza colpe

Archiviazione definitiva del fascicolo giudiziario intestato ai ginecologi Carlo Tomasi, 61 anni, e Alessandro Biggio, di 40, e all’anestesista Tonio Sollai, di 62, in servizio nell’ospedale Nostra Signora di Bonaria di San Gavino, in relazione alla morte di Romina Vargiu, 34 anni, di Villacidro, deceduta al suo primo parto la notte del 19 maggio del 2011.

Per i tre medici, che erano riusciti a salvare la nascitura, era scattata l’ipotesi di reato di omicidio colposo da parte del sostituto procuratore Giangiacomo Pilia, a cui erano stato affidato il caso. A distanza di quasi due anni dai fatti, dopo l’archiviazione chiesta dallo stesso pubblico ministero e il ricorso in opposizione al provvedimento presentato dal marito della donna, Giovanni Schiavi, il Gip del Tribunale di Cagliari, Giampaolo Casula, ha disposto la definitiva archiviazione del caso, sostenendo di fatto che ai tre medici imputati, in base alle risultanze degli accertamenti effettuati dai medici legali Francesco Paribello e Gabriele Finco, non può essere addebitata alcuna responsabilità per quanto avvenuto quella notte in sala parto.

«La patologia che ha ucciso la giovane mamma – hanno stabilito i due medici legali – poteva comparire una volta ogni quattromila parti e non era affatto prevedibile». Una forte emorragia aveva provocato alla gestante un edema cerebrale con scompenso cardiaco a cui i medici ginecologi Carlo Tomasi e Alessandro Biggio e l’anestesista Tonio Sollai non avevano potuto rimediare nonostante il prodigarsi in sala parto e poi in quella operatoria assieme ai chirurghi. Adesso il caso è chiuso, i medici non sono responsabili della morte di Romina Vargiu.

Fonte: La Nuova Sardegna

Lascia un commento