12.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, 29 Ottobre 2020

Diffamare è reato anche sul web

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Coronavirus, 27 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +174 nelle ultime 24 ore

Sono 174 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 27 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, 26 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +231 nelle ultime 24 ore

Sono 231 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 26 ottobre 2020 continua...

Consiglio Regionale, un’interrogazione sulla sospensione delle cure radioterapiche ai pazienti oncologici

"Ottobre, mese tradizionalmente impegnato per la campagna di prevenzione e lotta contro il tumore al seno, vede tantissime donne che potrebbero essere...

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Facebook ormai è quella grande piazza virtuale con cui tutti, anzi quasi tutti, comunicano sia in maniera pubblica che in maniera riservata. La sua regolamentazione è stata spesso oggetto di diatribe tra esperti e meno esperti in ambito giuridico. Considerare Facebook come semplice e isolata piazza virtuale o considerarla parte della vita reale?

Con una recente sentenza la Corte di Cassazione sembra indirizzare in maniera abbastanza netta il famoso social network verso ciò che realmente è, cioè una parte (ormai sempre più ampia) di vita reale.

Il caso nella fattispecie riguarda una diffamazione “senza fare nomi”. Tra le nostre “amicizie” ne leggiamo di tutti i colori, bene, da oggi seppur lo status sia privato e leggibile dai soli amici, bisognerà stare molto, molto attenti, come nella vita reale. Per la Corte Suprema dunque non è necessario il dolo specifico ma la semplice volontà di voler enunciare in qualsiasi modo qualcosa di lesivo per la reputazione altrui e che ciò venga a conoscenza anche solo di poche persone è ininfluente ai fine della diffamazione.

Quindi, per tutte quelle persone che pensano al monitor come fonte di protezione da eventuali denunce, sarebbe bene tornare nella realtà, ricordandosi che Facebook e tutti i social network sono solo degli strumenti che ci permettono di comunicare comodamente e in tempo rapido, ma che la vita la fuori, rimane la stessa, bella o brutta che sia.

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 28.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri, a seguito di +1 positivo  e -1 guarito)...

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Chiusura alle 18 di bar, ristoranti e locali. Confartigianato: “A rischio l’indotto”

Chiusura alle 18 di bar, ristoranti e locali: il timore delle 5mila imprese artigiane collegate alla ristorazione. Matzutzi e Serra (Confartigianato Sardegna):...

Arriva la prima casa dell’acqua a San Gavino Monreale

A breve anche San Gavino avrà la sua "casa dell'acqua". Il progetto - come dichiara Claudio Seda, promotore della nuova idea imprenditoriale...