24.5 C
San Gavino Monreale
martedì, Luglio 14 2020

“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale

Da leggere

Premio Sardo 100%: premiato anche l’infermiere Paolo Cannas di San Gavino

Sono il musicista Gavino Murgia, l’infermiere-eroe Paolo Cannas e l’educatore-scrittore Giampaolo Cassitta i sardi 100% del 2020. IL PREMIO...

Gattino ritrovato nei parcheggi dell’Ospedale, si cercano i padroni

Una nostra lettrice di Arbus stamattina ha trovato un gattino grigio nei parcheggi dell ospedale a San Gavino Monreale.

Diabetologia e sanità sarda, il Consigliere Segretario Emanuele Cera scrive all’Assessore Nieddu

Il consigliere regionale Emanuele Cera, segretario del Consiglio Regionale, scrive una lettera all'Assessore Regionale alla Sanità Mario Nieddu, per portare all'attenzione dei...

Chen’e Sentidu, l’arte del Teatro sui social, per sorridere nonostante la quarantena

La compagnia teatrale Chen'e Sentidu ha realizzato una piccola commedia "a puntate" durante la quarantena. Lo scopo era quello di divertirsi e non restare...

Per “La grande prosa” della rassegna Cedac, il 17 aprile 2016 sbarca a San Gavino Monreale “Novantadue, Falcone e Borsellino 20 anni dopo”, di Claudio Fava, con Filippo Dini, Giovanni Moschella, Pierluigi Corallo e con la regia di Marcello Cotugno.

“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale
“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale

L’opera racconta il 1992 che fu un anno denso di avvenimenti, dalla firma del trattato di Maastricht, alla chiusura della Pravda, dall’assedio di Sarajevo, all’elezione di Bill Clinton, fino alla riabilitazione da parte della Chiesa di Galileo Galilei.

Eppure il 1992 fu un anno oscuro e orribile della storia italiana. Era cominciato proprio con la pronuncia della sentenza di condanna che chiuse di fatto il Maxi-processo, il più grande processo penale mai celebrato al mondo.

La sentenza finale della Corte di Cassazione sembrò quasi “una pietra tombale sulla mafia” che intanto, invece, si era rimessa in salute. Nuovi comandamenti, nuovi comandanti – i Corleonesi – a sovvertire con una violenza inaudita i vecchi ideali e codici della “onorata società”. Mentre finiva la cosiddetta Prima Repubblica con i processi di Tangentopoli, i due magistrati simbolo della lotta alla mafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, furono fatti saltare in aria col tritolo.

Altri articoli

Ultime News

Premio Sardo 100%: premiato anche l’infermiere Paolo Cannas di San Gavino

Sono il musicista Gavino Murgia, l’infermiere-eroe Paolo Cannas e l’educatore-scrittore Giampaolo Cassitta i sardi 100% del 2020. IL PREMIO...

Gattino ritrovato nei parcheggi dell’Ospedale, si cercano i padroni

Una nostra lettrice di Arbus stamattina ha trovato un gattino grigio nei parcheggi dell ospedale a San Gavino Monreale.

Diabetologia e sanità sarda, il Consigliere Segretario Emanuele Cera scrive all’Assessore Nieddu

Il consigliere regionale Emanuele Cera, segretario del Consiglio Regionale, scrive una lettera all'Assessore Regionale alla Sanità Mario Nieddu, per portare all'attenzione dei...

Chen’e Sentidu, l’arte del Teatro sui social, per sorridere nonostante la quarantena

La compagnia teatrale Chen'e Sentidu ha realizzato una piccola commedia "a puntate" durante la quarantena. Lo scopo era quello di divertirsi e non restare...

“A Casa di Gio”: Riso Venere con Gamberi e Limone

Nuovo appuntamento "A Casa di Gio", uno spazio curato da Johanne Cesarano che, attraverso il suo Canale YouTube ci accompagna, di ricetta...