20.7 C
San Gavino Monreale
giovedì, 29 Ottobre 2020

“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 28 ottobre: nuovo record di contagi in Sardegna, +362 nelle ultime 24 ore

Continua a salire il numero dei positivi al Covid-19 nella nostra Isola. Nelle ultime 24 ore si sono registrati infatti 362 nuovi...

Coronavirus, 27 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +174 nelle ultime 24 ore

Sono 174 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 27 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, 26 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +231 nelle ultime 24 ore

Sono 231 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 26 ottobre 2020 continua...

Consiglio Regionale, un’interrogazione sulla sospensione delle cure radioterapiche ai pazienti oncologici

"Ottobre, mese tradizionalmente impegnato per la campagna di prevenzione e lotta contro il tumore al seno, vede tantissime donne che potrebbero essere...

Venerdì 6 novembre, a San Gavino una campagna di raccolta di sangue straordinaria

L'emergenza sanitaria sta rendendo questo 2020 complesso dal punto di vista della raccolta sangue. Ad aggiungersi al tradizionale calo delle donazioni estive,...

Per “La grande prosa” della rassegna Cedac, il 17 aprile 2016 sbarca a San Gavino Monreale “Novantadue, Falcone e Borsellino 20 anni dopo”, di Claudio Fava, con Filippo Dini, Giovanni Moschella, Pierluigi Corallo e con la regia di Marcello Cotugno.

“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale
“Novantadue”: la mafia raccontata in teatro a San Gavino Monreale

L’opera racconta il 1992 che fu un anno denso di avvenimenti, dalla firma del trattato di Maastricht, alla chiusura della Pravda, dall’assedio di Sarajevo, all’elezione di Bill Clinton, fino alla riabilitazione da parte della Chiesa di Galileo Galilei.

Eppure il 1992 fu un anno oscuro e orribile della storia italiana. Era cominciato proprio con la pronuncia della sentenza di condanna che chiuse di fatto il Maxi-processo, il più grande processo penale mai celebrato al mondo.

La sentenza finale della Corte di Cassazione sembrò quasi “una pietra tombale sulla mafia” che intanto, invece, si era rimessa in salute. Nuovi comandamenti, nuovi comandanti – i Corleonesi – a sovvertire con una violenza inaudita i vecchi ideali e codici della “onorata società”. Mentre finiva la cosiddetta Prima Repubblica con i processi di Tangentopoli, i due magistrati simbolo della lotta alla mafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, furono fatti saltare in aria col tritolo.

Articoli correlati

Ultime News

Perché “diamo i numeri” del Covid-19: percentuali e proporzioni

Le informazioni che quotidianamente ci vengono fornite attraverso i numeri relativi al coronavirus non sono sempre chiare. O meglio, non è proprio...

Mi chiamo Gabriele, ho 13 anni e voglio andare a scuola!

Gabriele, un giovane studente che frequenta la prima classe di un liceo di Cagliari, ha indirizzato una bellissima lettera aperta a tutte...

Il South Working arriva anche in Sardegna

Cresce la domanda di case in affitto o in vendita da parte sia di studenti che lavoratori, provenienti non solo dal nord...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 28.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 28 attualmente positivi (numero invariato da ieri, a seguito di +1 positivo  e -1 guarito)...