17 C
San Gavino Monreale
venerdì, Maggio 29 2020

“Una piazza per Gramsci”: San Gavino Monreale ricorda il pensatore e la Resistenza

Da leggere

Coronavirus in Sardegna: solo 200 positivi in tutta l’isola, 2 persone ancora in terapia intensiva

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 28 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Trasferimento del Centro di Diabetologia a Sanluri? È rivolta sul web

Il popolo della rete dice no al trasferimento del Servizio Territoriale di Diabetologia, che dall'Ospedale di San Gavino, parrebbe in procinto di...

Smarrito gattino in via Nurazzeddu

A San Gavino Monreale, nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 maggio, si è smarrito un gattino maschio di tre mesi,...

A poco più di ottant’anni dalla morte, nel Comune di San Gavino Monreale e stato disposto un progetto per l’intitolazione di una piazza ad Antonio Gramsci: si tratta di una iniziativa denominata “Una piazza per Gramsci“, firmata con la collaborazione della Commissione Pari Opportunità, dell’Istituto “Marconi-Lussu”, e dell’ANPI del Medio Campidano. Per tutto il mese di aprile una serie di attività hanno coinvolto gli studenti dei licei e alcune associazioni locali che si sono adoperate per garantire tocchi intellettuali e di colore, in modo che dessero alla piazza una sua precisa identità.

"Una piazza per Gramsci" è l'iniziativa che ha coinvolto studenti e artisti per tutto il mese di aprile nella riqualificazione di una delle piazze di San Gavino Monreale. In un seminario, ragazzi e ragazze sono venuti in contatto col ricordo del pensatore e della Resistenza coi racconti della partigiana Pina Brizzi.
“Una piazza per Gramsci” è l’iniziativa che ha coinvolto studenti e artisti per tutto il mese di aprile nella riqualificazione di una delle piazze di San Gavino Monreale. In un seminario, ragazzi e ragazze sono venuti in contatto col ricordo del pensatore e della Resistenza coi racconti della partigiana Pina Brizzi.

Dal 9 aprile, i ragazzi dei licei scientifico, linguistico e pedagogico sono stati impegnati in un laboratorio d’arte col supporto del gruppo “Amici di Francesco Del Casino”, che fa riferimento al noto pittore senese ormai adottato dalla comunità di Orgosolo dopo anni di prestazioni artistiche di alto livello. Sul percorso in cemento della piazzagli studenti hanno riportato con la vernice alcune delle frasi più significative del pensatore sardo, scelte dagli studenti con l’aiuto dei loro professori. Le frasi si leggeranno percorrendo lo spazio, in un gioco estetico volto a fondere i due ingressi pedonali e realizzare un book crossing a cielo aperto. Al centro della piazza è prevista un’opera in ceramica realizzata e donata da Francesco Del Casino, che nel paese aveva già prodotto un murale dedicato alla Resistenza.

Nella giornata odierna invece è stato donato agli studenti un lungo ed interessante seminario sull’importanza della figura di Antonio Gramsci, soprattutto in relazione ai temi dell’istruzione, delle diseguaglianze, della lotta per la libertà e del valore degli insegnamenti lasciati alle future generazioni dal pensatore di Ales. A portare la propria esperienza all’interno del campo della resistenza e dei precetti impartiti da Gramsci ci ha pensato la medaglia d’oro al valore Pina Brizzi, oggi ultranovantenne ma che al tempo del periodo fascista si formò come staffetta al fianco dei partigiani. « La mia storia partigiana risale al mio primo giorno di scuola. Avevo 6 anni e fui esonerata dal fare ginnastica. Chiesi a mio padre il perché e lui mi rispose che non avrebbe mai voluto vedermi sfilare come una piccola italiana del Duce. Fu lui ad insegnarmi l’indipendenza e la libertà di pensiero, e grazie a lui ho potuto battermi al fianco dei partigiani ». La Brizzi ha raccontato le giornate a Carrara impegnata a salvare i disertori, il soccorso di una donna che la sfilò ad un gruppo di soldati tedeschi e da una morte certa, gli americani che non intervenirono per tempo  ad aiutarli, la storia di un compagno che fingendosi scemo riuscì a salvare tante vite seppur perseguitato con l’olio di ricino.

L’iniziativa terminerà venerdì 27 aprile quando verrà inaugurata la piazza dedicata ad Antonio Gramsci: la popolazione potrà ammirare il lavoro compiuto dagli studenti e dagli artisti che si sono affaccendati in questa opera di sensibilizzazione su una figura così grande nella storia dell’Italia e della Sardegna.

Locandina iniziativa - Una piazza per Antonio Gramsci - aprile 2018
Locandina iniziativa – Una piazza per Antonio Gramsci – aprile 2018

Fonte: Vistanet

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus in Sardegna: solo 200 positivi in tutta l’isola, 2 persone ancora in terapia intensiva

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 28 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Trasferimento del Centro di Diabetologia a Sanluri? È rivolta sul web

Il popolo della rete dice no al trasferimento del Servizio Territoriale di Diabetologia, che dall'Ospedale di San Gavino, parrebbe in procinto di...

Smarrito gattino in via Nurazzeddu

A San Gavino Monreale, nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 maggio, si è smarrito un gattino maschio di tre mesi,...

“Missione compiuta e obiettivo centrato”, il Nuovo Cammino parla della Grande Raccolta Fondi

La “Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino” Missione compiuta e obiettivo centrato L’iniziativa ha...