19.9 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Luglio 8 2020

22 gennaio, la manifestazione delle Partite IVA sangavinesi

Da leggere

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Le Partite IVA sangavinesi hanno aderito pacificamente – ma energicamente – alle tante manifestazioni previste su tutto il suolo nazionale nella giornata di oggi 22 gennaio 2020.

Un popolo, quello delle Partite IVA, che salvo il momento del versamento delle tasse, è dimenticato dallo Stato. Quella dei lavoratori autonomi è una categoria che può vantare ben pochi diritti rispetto ad altre classi di lavoratori.

Per sensibilizzare la popolazione su questi temi delicati e attuali, anche i commercianti e professionisti di San Gavino Monreale hanno aderito alla protesta nazionale con un sit-in in piazza della Resistenza durante la mattinata di oggi 22 gennaio. Un corteo composto da oltre un centinaio di Partite IVA sangavinesi ha poi percorso la via Roma, fino alla rotonda di via Dante, per poi confluire in piazza Marconi.

Gli esercenti e professionisti di San Gavino Monreale, accompagnati dal sindaco Carlo Tomasi, hanno concluso la manifestazione nell’Aula Consiliare, dando vita a una lunga discussione in cui sono stati toccati diversi punti sensibili della “questione commercio” a San Gavino Monreale.

Il primo cittadino si è reso disponibile al dialogo e alla messa in campo di misure che possano favorire lo sviluppo delle attività commerciali sul suolo sangavinese. Compito non semplice. Dopo anni, si sente nuovamente parlare del Centro Commerciale Naturale, strumento che consentirebbe alle Partite IVA cittadine di presentare istanze e problematiche in maniera ufficiale e istituzionale, usufruendo anche di finanziamenti per il commercio.

Claudio Seda, uno dei commercianti più agguerriti e uno dei portavoce della protesta, ha dato appuntamento a stretto giro per proseguire con le iniziative a livello provinciale e regionale, unico modo per far arrivare la voce delle Partite IVA oltre i confini locali.

Pressione fiscale, POS e commissioni, tasse comunali, mancati diritti: questi alcuni dei tanti punti all’ordine del giorno delle prossime riunioni.

Altri articoli

Ultime News

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Una cagnolina vaga per il paese, si cercano i proprietari

Il problema dei cani (randagi o lasciati liberi di uscire dai cortili) che vagabondano per le vie del paese è sempre più...