21.2 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 23 Giugno 2021

Festival Letterario del Monreale 2020, il programma completo (e una sorpresa sulle location)

Emergenza sanitaria

Lo staff del Festival Letterario del Monreale svela il programma completo dell’edizione 2020 dell’evento culturale dedicato ai libri, ai fumetti e al mondo della letteratura in generale.

Dopo avervi anticipato la lunghissima lista degli ospiti provenienti non solo da ogni angolo della Sardegna ma da tutta la Penisola, finalmente possiamo scorrere la lista degli appuntamenti con ognuno di essi e iniziare a segnarli in agenda.

“Sono molto contenta – afferma Francesca Spanu, direttrice artistica del Festival -, è stato molto faticoso organizzare il programma tenendo conto delle difficoltà dovute al Covid e dovendo concentrare in 4 pomeriggi il programma di 4 giornate intere. Abbiamo riservato alle mattine solo conferenze, workshop e due presentazioni. Da lettrice mi stupisce e mi fa sorridere che qualcuno si concentri più sui sui luoghi che sugli autori presenti, tenuto conto che San Gavino ha l’onore di ospitare nomi del calibro di quelli che sono nel programma”.

Gli eventi avranno luogo in diverse location, che faranno da “salotto buono” della cultura sangavinese. Si tratta dello Spazio Civis, della Piazza Marconi, dello Spazio esterno della bellissima Casa Mereu e, sorpresa, dell’Anfiteatro Comunale.

Proprio attorno a quest’ultima ubicazione è grande la curiosità, per questo abbiamo deciso di intervistare Nicola Ennas, Assessore con delega ai Grandi Eventi, nonché al Patrimonio, Manutenzioni e Sicurezza Urbana, per avere maggiori ragguagli su questa importantissima novità per tutto il panorama di cultura e spettacolo a San Gavino Monreale.

Abbiamo chiesto all’Assessore di farci un sunto della storia passata e presente dei lavori di messa in sicurezza (ai fini dell’omologazione per poter ospitare eventi pubblici) dell’Anfiteatro Comunale, opera architettonica da sempre al centro di polemiche e discussioni.

“Gli interventi di manutenzione straordinaria dell’anfiteatro ad oggi in corso – spiega Nicola Ennastrovano origine dalle prescrizioni emerse dalla Commissione Pubblico Spettacolo del 12.07.2019. In ragione di tali prescrizioni e facendo seguito alle risorse già stanziate nel corso del 2019 pari a € 40.000,00, si è dovuto procedere all’integrazione delle stesse risorse mediante programmazione di avanzo di amministrazione per ulteriori € 50.000,00 stimati. I lavori nel loro complesso riguardano opere di carpenteria metallica finalizzate alla messa in sicurezza del sistema di protezione delle scale e delle balconate, revisione e ripristino di impianti elettrici e di emergenza, ripristino sistema di evacuazione (allarmi visivi e acustici), rinnovo delle certificazioni e revisione funzionalità impianti meccanici e impianti antincendio, compreso il potenziamento dell’impianto di videosorveglianza.”

Si tratta di interventi di una certa rilevanza che hanno richiesto la spesa di ingenti somme di denaro e che dovrebbero regalare – finalmente – una struttura capace di rivitalizzare il paese, mediante spettacoli, concerti ed eventi di ogni genere.

La domanda che tutti si pongono è “Quando verranno conclusi i lavori?” e anche noi abbiamo espresso la nostra curiosità: atto dovuto, essendo stato inserito nel manifesto del Festival Letterario come grande cornice della giornata conclusiva.

“Le ditte incaricate – rassicura l’Assessore ai Grandi Eventi – si sono avvicendate rapidamente e per gli ultimi lavori in corso attendiamo in settimana l’esito finale in modo da poter riemettere i certificati di collaudo e procedere alla nuova convocazione della Commissione Pubblico Spettacolo che prenderà atto e si esprimerà sul superamento delle prescrizioni tecniche precedentemente impartite”.

Insomma, nei prossimi giorni – e comunque entro i primi di settembre – verrà convocata la Commissione Sicurezza che scioglierà le ultime riserve e l’Anfiteatro verrà restituito alla comunità sangavinese.

“Siamo in dirittura di arrivo e a differenza del passato con cognizione di causa – conclude Nicola Ennas -. L’anfiteatro è una struttura pubblica che deve essere resa fruibile finalmente e definitivamente, non voglio pensare da cittadino di San Gavino che ci possiamo dividere anche su questo obiettivo”.

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News