17.6 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 21 Aprile 2021

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Emergenza sanitaria

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa la controllata SOF) a Fincantieri Infrastructure, la newco del colosso Cdp che ha ricostruito il Ponte Morandi a Genova.

Il contratto di cessione prevede l’integrale trasferimento di tutte le commesse ricomprese nel portafoglio di INSO e SOF (compreso il Nuovo Ospedale di San Gavino Monreale), il mantenimento per 3 anni dei livelli occupazionali (garantendo quindi per un anno addizionale rispetto al dettato normativo) e l’implementazione del Piano Industriale elaborato dalla struttura commissariale orientato al rilancio e allo sviluppo del gruppo.

I Commissari Straordinari Giovanni Bruno, Gianluca Piredda e Matteo Uggetti esprimono viva soddisfazione per il risultato ottenuto: il percorso di cessione si è concretizzato in soli 15 mesi dall’approvazione del Programma avvenuta a luglio del 2019, ovvero in tempi estremamente rapidi rispetto alla durata media di analoghe procedure di AS secondo la Legge Marzano, che in base alle statistiche del Mise si attestano intorno ai tre anni. Sono state stabilizzati circa 450 lavoratori, pari al 100% del personale di INSO e SOF ricompreso nel ramo oggetto di cessione, a fronte di una media che oscilla tra il 50 e il 60% delle procedure di AS, sempre secondo le statistiche stilate dal Mise.

Allo stesso modo, tutte le altre operazioni di cessione nell’ambito della procedura del Gruppo Condotte hanno consentito la stabilizzazione al 100% dei lavoratori coinvolti, per un totale a oggi di circa 900 persone. L’operazione di cessione prevede il trasferimento dell’intero portafoglio esistente, che ammonta a circa 1,4 miliardi di euro, di cui: circa 1 miliardo relativo ad INSO composto da 26 commesse, di cui 13 relative all’esecuzione di contratti di progettazione e costruzione; circa 420 milioni di euro in capo alla controllata SOF, di cui circa il 90% per commesse ad oggi già avviate.

La normativa affida ai commissari un’espressa valutazione dell’affidabilità dell’offerente, in questo caso comprovata dal fatto che si tratta di uno dei maggiori gruppi europei, Fincantieri, interamente controllato da Cassa Depositi e Prestiti attraverso Fintecna, insieme a Regione Toscana socio di minoranza.

INSO è un general contractor specializzato nello sviluppo di progetti di costruzione e fornitura di tecnologie per i settori della sanità. Le competenze aziendali, che spaziano dalla progettazione fino alla gestione delle opere realizzate, garantiscono alla Società un’elevata specializzazione nell’esecuzione di contratti EPC. Il possesso di competenze multidisciplinari e l’approccio «chiavi in mano» dalla progettazione dell’ospedale fino all’equipaggiamento tecnologico delle strutture e alla loro gestione, favoriscono un vantaggio competitivo che consente ad INSO di accreditarsi in un settore altamente specialistico. INSO sviluppa le attività di gestione e di facility management in sinergia con la controllata SOF, in modo tale da migliorare l’offerta integrata prodotto/servizi, assicurando il presidio industriale di tutte le attività di operation & maintenance. Le attività di INSO sono classificabili secondo quattro principali business line: la realizzazione ed equipaggiamento (packages medicali) di strutture ospedaliere in Italia e all’estero (in oltre 40 anni di attività, Inso ha realizzato / equipaggiato oltre 80 strutture nel mondo, posizionandosi oggi tra i principali operatori internazionali nella realizzazione di ospedali chiavi in mano e fornitura di strumentazione medicale); la costruzione di edifici ad elevato contenuto impiantistico e tecnologico e con particolare complessità architettonica (INSO vanta un know-how specifico nel settore farmaceutico e nella realizzazione di progetti complessi, anche nello specifico mercato delle costruzioni in altezza); lo sviluppo e la gestione dei contratti di concessione per la realizzazione e la successiva gestione di opere ospedaliere e civili (INSO è in grado anche di provvedere alla definizione della struttura finanziaria delle operazioni, dei contratti di finanziamento delle SPV e della gestione amministrativa); l’attività di facility management in sinergia con la controllata SOF, sia per la gestione dei servizi nelle concessioni attive, sia per altri progetti di gestione “multiservice”, per i quali SOF opera autonomamente (SOF è attiva nel mercato del facility management a livello nazionale da oltre 25 anni, con particolare specializzazione nello svolgimento di servizi manutentivi per patrimoni immobiliari pubblici e privati e nell’erogazione di servizi energetici).

Inso opera sul mercato internazionale attraverso 6 branches (Martinica, Cile, St Marteen, Grecia, Qatar, Algeria) e sul territorio nazionale, in sinergia con la controllata SOF. Tra le opere in portafoglio all’estero gli ospedali di St. Maarten, di Chillan in Cile, di Laghouat in Algeria, di Sidra in Qatar, di Tishreen in Siria, di Ajaccio e di Fontainebleau in Francia, mentre in Italia spiccano la Città della Salute di Sesto San Giovanni, l’ospedale di Vimercate, di San Gavino Monreale, di Cisanello a Pisa e il nuovo carcere di Bolzano.

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News