27.3 C
San Gavino Monreale
giovedì, 24 Settembre 2020

Doddore Meloni fa tappa a San Gavino

Da leggere

Gran finale per il festival Rete dei Castelli della Sardegna: ultima tappa a Sanluri

Sabato 26 settembre gran finale a Sanluri per il Festival Rete dei Castelli. C'è ancora festa al castello e ci sono spunti di...

Covid-19, a fine ottobre le liquidazioni degli aiuti alle aziende: dai 500 ai 1.000 euro per le attività sangavinesi

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, ha pubblicato un comunicato per far conoscere i tempi di liquidazione delle somme a sostegno...

Museo diocesano di Ales, una mostra con le opere di Sebastiano Del Piombo

Il Museo diocesano di Ales, sabato 26 settembre 2020, ospiterà una mostra delle opere di Sebastiano Luciani, detto "Del Piombo", artista del...

Poste Italiane, dal 19 ottobre via alla cessione del credito per il Superbonus 110%

Poste Italiane sostiene la ripresa economica del Paese, nel quadro delle misure previste dal Decreto Rilancio, attraverso il servizio di “cessione del...

Doddore Meloni fa tappa a San Gavino
Doddore Meloni fa tappa a San Gavino

Il viaggio per l’indipendenza della Sardegna di Doddore Meloni, presidente di Malu Entu, ha fatto tappa a San Gavino, dove ha incontrato il sindaco Gianni Cruccu. I due hanno avuto un colloquio cordiale, in cui sono stati affrontati i problemi dell’Isola. Doddore Meloni è in marcia per denunciare un diritto negato al popolo sardo: quello di poter esprimere la propria opinione, attraverso un referendum, sulla volontà dei sardi di essere indipendenti o meno dallo Stato Italiano.

Un referendum consultivo dal puro valore simbolico.
La Regione ha sicuramente commesso un autogol clamoroso – sostiene il sindaco Gianni Cruccu – ad impedire ai sardi di esprimersi. Probabilmente si temeva che dalle urne potesse saltar fuori il valore identitario dell’isola e dei sardi”. Doddore Meloni ha ringraziato pubblicamente il sindaco, “persona straordinaria, mi ha accolto e ha ascoltato le nostre ragioni e ha condiviso. Non capita spesso. In questo periodo abbiamo raccolto trentamila firme, un dato straordinario, con cinquantamila si fanno le leggi in parlamento, a noi non è stata data neanche la possibilità di esprimerci”.

Le disparità e il trattamento riservato a lei e Bossi, che può minacciare la secessione senza che nessuno intervenga, mentre se Doddore parla di indipendenza, il giorno dopo rischia di finire a Buoncammino.
“Semplice, lì c’è una regione dietro. Bossi ha il suo popolo alle spalle che crede in lui qua non è così”. Sono troppi i partiti indipendentisti? “No, nella democrazia le correnti non sono mai troppe. Se i sardi, anziché votare per i partiti nazionali, che dalla Sardegna prendono e basta, avessero votato per i partiti sardi, forse i continentali ci terrebbero in maggiore considerazione”.

Fonte: Fausto Orrù, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Gran finale per il festival Rete dei Castelli della Sardegna: ultima tappa a Sanluri

Sabato 26 settembre gran finale a Sanluri per il Festival Rete dei Castelli. C'è ancora festa al castello e ci sono spunti di...

Covid-19, a fine ottobre le liquidazioni degli aiuti alle aziende: dai 500 ai 1.000 euro per le attività sangavinesi

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, ha pubblicato un comunicato per far conoscere i tempi di liquidazione delle somme a sostegno...

Museo diocesano di Ales, una mostra con le opere di Sebastiano Del Piombo

Il Museo diocesano di Ales, sabato 26 settembre 2020, ospiterà una mostra delle opere di Sebastiano Luciani, detto "Del Piombo", artista del...

Poste Italiane, dal 19 ottobre via alla cessione del credito per il Superbonus 110%

Poste Italiane sostiene la ripresa economica del Paese, nel quadro delle misure previste dal Decreto Rilancio, attraverso il servizio di “cessione del...

San Gavino Monreale, tutto pronto per il rientro a scuola

Tutto è pronto per il rientro dei ragazzi a scuola. Anche a San Gavino Monreale, dopo la lunga pausa legata all'emergenza sanitaria,...