9.2 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Claudia Pinna, che campionessa!

Emergenza sanitaria

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

Coronavirus in Sardegna, 27 novembre: i dati dei contagi (+375) e dei guariti (+164) nelle ultime 24 ore. Altri 9 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 9 decessi e 375 nuovi casi. Cala il numero dei ricoveri. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 375...

Coronavirus in Sardegna, 26 novembre: i dati dei contagi (+405) e dei guariti (+126) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 5 decessi e 405 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 405 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.037...

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Claudia Pinna, trentacinquenne sangavinese, più volte nazionale azzurra di atletica, lo scorso 20 ottobre si è laureata campionessa nazionale nella Mezza Maratona disputatasi a Cremona. Un risultato giunto un po’ a sorpresa, per tanti ma non per tutti, quelli che conoscono bene Claudia sapevano che avrebbe gareggiato per vincere. Già nel 2007 a Padova, la nostra Claudia vinse il titolo italiano sui 5.000 metri. Nel corso degli anni l’atleta sangavinese si è specializzata sempre più nel mezzo fondo, è del 2012 l’argento ai campionati italiani sulla distanza dei 10.000. Abbiamo incontrato Claudia e ne abbiamo approfittato per toglierci qualche curiosità.

Claudia Pinna, che campionessa!
Claudia Pinna, che campionessa!

Perché da bambina hai scelto l’atletica e non uno sport di squadra?
Credo che la scelta sia stata influenzata dal mio carattere, ero introversa e testarda quindi i miei genitori mi hanno fatta affacciare ad uno sport completo e individuale. Ho giocato anche a basket ma la corsa è tutta un’altra musica. I primi risultati hanno sicuramente inciso per farmi proseguire. Ci divertivamo molto sia agli allenamenti che alle gare, e riuscivamo a conciliare lo studio con uno sport così faticoso e impegnativo.

Quali sono state le persone che ti hanno più aiutata all’inizio?
La mia prima gara l’ho fatta a otto anni e ho vinto mettendo in evidenza la mia tecnica di corsa, a distanza di anni ho rivisto il video e devo ammettere di essere rimasta sorpresa. Ovviamente se non ci fossero stati mamma Ginetta e papà Felice non l’avrei mai fatto. Papà mi portava a gareggiare, seguiva un gruppo di ragazzi, non c’era tutto l’agonismo che c’è oggi, lo si faceva per divertimento. Ero motivata dal fatto che anche i miei fratelli facessero sport: mia sorella Silvia giocava a basket, ed è stata seguita dal più piccolo di casa, Roberto, anche lui un bel talento sportivo. Un ringraziamento particolare va a Elvio Carola, che mi ha fatto conoscere il mio allenatore “Lello” Podda. Elvio e Lello, sangavinesi doc, sono stati fondamentali. Son così entrata a far parte della Podistica San Gavino, la mia famiglia sportiva. Ho corso con loro sino al ‘97, anno in cui son passata al Cus Cagliari per poter fare esperienze nazionali e internazionali. Non dimentico che il mio primo titolo italiano “allieve” l’ho vinto nel ‘94 con la Podistica. Tuttora vivo e mi alleno a San Gavino, senza il gruppo meraviglioso formato dai miei compagni di allenamento non sarei riuscita ad esprimere il mio valore.

Quale consiglio ti senti di dare a chi volesse iniziare questo sport tanto faticoso quanto nobile?
La corsa è stare bene, ti porta tante soddisfazioni ma anche delusioni, io sto girando il mondo, a breve sarò a New York: questo per me vuol dire correre. La vera atletica si fa in pista sin da piccoli, quando le persone esperte possono far divertire i più piccoli giocando, per poi instradarli nelle singole specialità. Quindi ben vengano i piccoli in pista a conoscere e sperimentare, poi il tempo farà le differenze.

Conosciamo il passato, ma quale sarà il futuro della tua carriera?
Il futuro non esiste, per me esiste solo il presente. Continuo a correre finché sto bene e finché la salute me lo permette, senza limiti e sempre con la stessa passione. Il mio obiettivo è sostenere il gruppo della Podistica e un giorno poter trasmettere loro le mie esperienze, per ora ho ancora da imparare!

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 01.12.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 33 attualmente positivi (+1 da ieri) di cui 33 in isolamento domiciliare e nessuno ricoverato con sintomi.• 34 persone in quarantena (oltre i positivi...

San Gavino, i donatori di sangue a sostegno di Bitti

San Gavino Monreale, un paese in cui la parola d'ordine è "solidarietà". La sezione AVIS locale infatti si mobilita a sostegno della popolazione di Bitti,...

La mamma, la vicina e il Covid-19: epilogo

Comincio col ringraziare le persone che hanno letto la mia lettera, che ci hanno riflettuto su, che hanno riposto con un commento. Nella lettera...