#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

L’arte arricchisce Casa Dona Maxima

Abbiamo ricevuto una lettera da Marco Demelas, che vogliamo condividere con tutti voi. Quando leggiamo parole scritte con tanto trasporto, specialmente quando parlano di una delle bellezze del nostro paese, l’entusiasmo diventa addirittura contagioso. Speriamo di riuscire a trasmetterlo anche a tutti voi.

L'arte arricchisce Casa Dona Maxima

L’arte arricchisce Casa Dona Maxima

 

Voglio complimentarmi con gli autori del bellissimo murales realizzato nel cortile della casa museo “Dona Maxima” a San Gavino Monreale. Un’autentica opera d’arte con una grandiosa scenografia, ricca di motivi e colori, dove il protagonista è il simbolo di San Gavino Monreale: lo zafferano. Esemplare la capacità degli artisti di ricreare fedelmente scene e ambienti, a dimostrare la perfetta conoscenza dell’arte contadina.

Geniale l’idea della finestra spalancata con travatura in ginepro, tanto da sembrare reale, sulla quale è affacciata una contadina, che con lo sguardo dall’alto sembra osservare compiaciuta, la lavorazione e la raccolta dello zafferano. Davvero notevole. Senza ombra di dubbio San Gavino Monreale sentiva la mancanza di una simile opera. Colgo l’occasione per invitare chiunque legga queste righe, a vedere e ad ammirare questo importante lavoro; sono certo che nessuno rimarrà deluso.

Questo capolavoro dimostra ancora di più la grande valenza degli artisti sangavinesi, personalmente li coinvolgerei con il contributo dell’amministrazione comunale e della comunità, per realizzare altre opere di questo genere nelle vie del centro storico, con il fine di recuperare e creare scorci suggestivi di un patrimonio che appartiene alla memoria storica di San Gavino Monreale. Per presentare una simile opera, sarebbe opportuno organizzare una conferenza nella casa museo “Donna Maxima” aperta a tutti, dove si possa sentire la voce viva degli autori.

Marco Demelas

Fonte: Comprendo

Lascia un commento