17.1 C
San Gavino Monreale
sabato, 26 Settembre 2020

Turismo, necessari test sanitari chiari e rapidi per chi arriva in Sardegna

Da leggere

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 30 settembre 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria, seduta pubblica, con...

Mobilità elettrica in Sardegna. Cosa fa San Gavino?

Nel 2017 la Regione Sardegna pubblicava un bando per l’installazione di 650 colonnine di ricarica (300 lente, altre 300 di media velocità...

App di tracciamento, le differenze tra Italia e Germania

Con l’inizio della seconda ondata, si rinnova l’attenzione per le app di tracciamento e, soprattutto, la campagna da parte dei governi per...

Lions in prima linea per la lotta al diabete

Il 21 settembre 2020 a San Gavino Monreale in piazza Resistenza, nella sede della Pro Loco, il Lions Club Villacidro Medio Campidano,...

“Semplificazione, chiarezza e immediatezza nella comunicazione”. È quanto chiede alla Regione Faita Sardegna, l’associazione dei campeggi, attraverso il suo presidente Nicola Napolitano per i test sanitari richiesti a chi arriva in Sardegna.

“In un momento di grande confusione, paura ed emergenza economica – continua Napolitano – è fondamentale garantire la sicurezza delle persone, e dunque rispettiamo le ragioni che hanno spinto la Regione ad assumere queste decisioni, ma riteniamo anche che occorre farlo con estrema cautela. In un mercato isterico come quello che stiamo vivendo, le disdette delle già poche prenotazioni sono istantanee. Da sempre abbiamo chiesto test rapidi in tutti i punti di arrivo della Sardegna, porti e aeroporti: prima la sicurezza delle persone attraverso il monitoraggio (essendo le persone vettore del virus) ma senza creare disagi, anche perché le strumentalizzazioni (vedi quella devastante post Ferragosto) sono dietro l’angolo e dannose”.

Dopo la pubblicazione dell’ultima ordinanza del presidente della Regione si sono già avuti riflessi preoccupanti sulle presenze di settembre e ottobre per questo “chiediamo che si definiscano con immediatezza le procedure per rendere agevole l’arrivo in Sardegna di coloro che non sono muniti dei test e dovranno affrontare una procedura di certificazione dello stato di salute in loco, nel rispetto della loro volontà di fare le vacanze in Sardegna”.

Allo stesso tempo Faita Sardegna si appella alla Regione “affinché sappia assumere impegni importanti e con la stessa responsabilità e attenzione per la salute dei cittadini dia sostegno alle imprese e ai lavoratori già penalizzate da una stagione anomala che contavano adesso su un fine stagione più lungo”.

Altri articoli

Ultime News

Convocazione del Consiglio Comunale di San Gavino Monreale – 30 settembre 2020

La cittadinanza di San Gavino Monreale è invitata a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria, seduta pubblica, con...

Mobilità elettrica in Sardegna. Cosa fa San Gavino?

Nel 2017 la Regione Sardegna pubblicava un bando per l’installazione di 650 colonnine di ricarica (300 lente, altre 300 di media velocità...

App di tracciamento, le differenze tra Italia e Germania

Con l’inizio della seconda ondata, si rinnova l’attenzione per le app di tracciamento e, soprattutto, la campagna da parte dei governi per...

Lions in prima linea per la lotta al diabete

Il 21 settembre 2020 a San Gavino Monreale in piazza Resistenza, nella sede della Pro Loco, il Lions Club Villacidro Medio Campidano,...

Cinque pezzi audaci dell’ultima collezione di abbigliamento da uomo Versace che si faranno sicuramente notare

Se stai cercando nuovi pezzi freschi da aggiungere al tuo guardaroba per la nuova stagione di moda, e vuoi scegliere look che...