11.6 C
San Gavino Monreale
lunedì, Aprile 6 2020

Degrado della vecchia stazione FS

Da leggere

Aiutateci a ritrovare Poldo

Chiediamo il vostro aiuto per trovare Poldo, è stato smarrito a San Gavino Monreale nella zona del cimitero, in prossimità della rotonda...

San Gavino Monreale, nuove regole per la raccolta differenziata in contrasto al Covid-19

A San Gavino Monreale sono state definite le nuove linee guida per il conferimento dei rifiuti solidi urbani. L'ordinanza 19 del 05...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 5 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 874 a 907 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Dopo l’apertura della nuova stazione ferroviaria, RFI ha proditoriamente abbandonato il sito di quella vecchia, portando via quello che poteva ancora servire e ammucchiando ciò che era ormai inutile.

L’incuria da una parte, la stupidità umana dall’altra, formano un cocktail micidiale e in poco tempo la vecchia stazione viene assalita dai vandali che la devastano. All’interno dei locali tutto è stato distrutto, vetri rotti, olio esauto versato sui pavimenti, persino i resti di un fuoco che poteva degenerare in incendio. Nel piazzale i resti delle opere di smontaggio dei binari, erbacce e spazzatura varia. Qualche fusto di olio.

Una vera discarica a cielo aperto, con rifiuti di diversa pericolosità. In seguito all’intervento delle forze dell’ordine di qualche settimana fa, tutti gli sbocchi al piano terra dei locali della vecchia stazione sono stati sbarrati, a volte con lamiere altre con muratura in mattoni, per impedire l’accesso alla struttura. Il perimetro viene recintato come nella foto scattata tra via Mazzini e via Palermo.

La politica della “messa in sicurezza” dei luoghi invece della bonifica viene sempre preferita per ovvi motivi di costo, ma se l’erba non viene tagliata con l’arrivo della stagione calda andiamo incontro anche al rischio incendi che per delle strutture costruite a ridosso delle abitazioni può essere ancora più pericoloso.

Il mio augurio è che RFI provveda alla bonifica e restituisca questo angolo di paese alla cittadinanza per uso pubblico: che il bilancio sociale e il tanto decantato rispetto per l’ambiente non rimanga solo un documento in bella mostra sul loro sito internet.

Da parte mia, non starò di certo a guardare.

Stefano Garofano

Altri articoli

Ultime News

Aiutateci a ritrovare Poldo

Chiediamo il vostro aiuto per trovare Poldo, è stato smarrito a San Gavino Monreale nella zona del cimitero, in prossimità della rotonda...

San Gavino Monreale, nuove regole per la raccolta differenziata in contrasto al Covid-19

A San Gavino Monreale sono state definite le nuove linee guida per il conferimento dei rifiuti solidi urbani. L'ordinanza 19 del 05...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 5 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 874 a 907 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

IsolaTE, musica e arte in streaming per supportare la Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino

IsolaTE è un evento benefico ideato da Non solo "Murales di San Gavino Monreale Paese di Artisti" per supportare la Grande Raccolta...