21.4 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Luglio 8 2020

Degrado della vecchia stazione FS

Da leggere

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Dopo l’apertura della nuova stazione ferroviaria, RFI ha proditoriamente abbandonato il sito di quella vecchia, portando via quello che poteva ancora servire e ammucchiando ciò che era ormai inutile.

L’incuria da una parte, la stupidità umana dall’altra, formano un cocktail micidiale e in poco tempo la vecchia stazione viene assalita dai vandali che la devastano. All’interno dei locali tutto è stato distrutto, vetri rotti, olio esauto versato sui pavimenti, persino i resti di un fuoco che poteva degenerare in incendio. Nel piazzale i resti delle opere di smontaggio dei binari, erbacce e spazzatura varia. Qualche fusto di olio.

Una vera discarica a cielo aperto, con rifiuti di diversa pericolosità. In seguito all’intervento delle forze dell’ordine di qualche settimana fa, tutti gli sbocchi al piano terra dei locali della vecchia stazione sono stati sbarrati, a volte con lamiere altre con muratura in mattoni, per impedire l’accesso alla struttura. Il perimetro viene recintato come nella foto scattata tra via Mazzini e via Palermo.

La politica della “messa in sicurezza” dei luoghi invece della bonifica viene sempre preferita per ovvi motivi di costo, ma se l’erba non viene tagliata con l’arrivo della stagione calda andiamo incontro anche al rischio incendi che per delle strutture costruite a ridosso delle abitazioni può essere ancora più pericoloso.

Il mio augurio è che RFI provveda alla bonifica e restituisca questo angolo di paese alla cittadinanza per uso pubblico: che il bilancio sociale e il tanto decantato rispetto per l’ambiente non rimanga solo un documento in bella mostra sul loro sito internet.

Da parte mia, non starò di certo a guardare.

Stefano Garofano

Altri articoli

Ultime News

Diabetologia e Farmacia, convocazione urgente della Conferenza Socio-Sanitaria

In data odierna, il FAND del Medio Campidano Onlus, per mano del presidente Mattia Orrù, ha presentato al sindaco di San Gavino...

Tutti diversi! In panchina senza riserve

Un ciclo di iniziative sul tema dell'inclusione, della libertà di genere, di contrasto all'omofobia e alla violenza di genere. Questo, e molto...

Lunghe file all’Ecocentro, l’assessore Lai: «Potenzieremo il servizio»

Le foto delle file all'Ecocentro Comunale di San Gavino Monreale, riaperto da inizio maggio dopo la chiusura dovuta all'emergenza coronavirus, stanno facendo...

Alta velocità nel centro abitato di San Gavino, un problema da risolvere?

La questione "alta velocità" arriva anche nel Consiglio Comunale di San Gavino Monreale. Dopo la denuncia di "Mamma Giovanna" sulle nostre pagine,...

Una cagnolina vaga per il paese, si cercano i proprietari

Il problema dei cani (randagi o lasciati liberi di uscire dai cortili) che vagabondano per le vie del paese è sempre più...