23.8 C
San Gavino Monreale
martedì, 22 Giugno 2021

Via Convento tra passato, presente e futuro: bene gli alberi, male le ex casermette

Emergenza sanitaria

Via Convento riabbraccia la natura, con la piantumazione di otto nuovi alberi che restituiranno il verde a uno dei viali più amati dai sangavinesi. Come annunciato qualche giorno fa, sono stati messi a dimora esemplari di Schinus Terebinto (noto anche come falso pepe) e di Grevillea Robusta (nota come quercia di seta): piante robuste, sempreverdi, che ben si adattano al nostro clima.

La via che conduce al Convento si rinnova e riqualifica, dopo i lavori di rifacimento del manto stradale, la creazione di un parcheggio e la conseguente rimozione dei pini, che aveva aperto una ferita nel cuore di tanti sangavinesi. Ferita che può dirsi finalmente risanata dopo tanta attesa.

Passeggiando nella via che conduce alla Chiesa di Santa Lucia, l’occhio non piò che cadere sulla bellissima serie di murales dedicati ai cartoni animati degli anni ’70, ’80 e ’90. Una grande opera di riqualificazione urbana, fortemente voluta da Don Massimo Cabua, realizzata a ottobre 2019 grazie al lavoro di oltre trecento tra artisti e giovani dell’Oratorio Interparrocchiale. In questa galleria si possono ammirare tutti i dettagli (ma consigliamo una visita di persona, i colori dal vivo sono ancora più belli, soprattutto dopo il recente restauro) e leggere i messaggi di speranza associati a ogni opera.

In mezzo a tanta bellezza, però, salta all’occhio la bruttura dello spettacolo offerto delle “ex-casermette”, di proprietà comunale dal 2009. Per questi stabili, negli anni, si sono susseguite idee e proposte per il recupero e la valorizzazione. A oggi, però, il panorama della via Convento – decisamente migliorato e valorizzato negli ultimi 12 mesi – resta deturpato da questi capannoni militari abbandonati. L’augurio è quello di potervene parlare presto.

- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News