16.6 C
San Gavino Monreale
martedì, 1 Dicembre 2020

Le lettere di Mamma Giovanna: la salute dei bambini al primo posto

Emergenza sanitaria

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

Coronavirus in Sardegna, 27 novembre: i dati dei contagi (+375) e dei guariti (+164) nelle ultime 24 ore. Altri 9 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 9 decessi e 375 nuovi casi. Cala il numero dei ricoveri. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 375...

Coronavirus in Sardegna, 26 novembre: i dati dei contagi (+405) e dei guariti (+126) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 5 decessi e 405 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 405 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.037...

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Io credo che i bambini (insieme alle categorie più fragili della nostra società) dovrebbero avere la precedenza su tutto, perché ne va della loro salute, fisica e mentale, nel breve e nel lungo termine.

Non imporre un lockdown ai bambini significa, di fatto, accettare di imporlo ad altre categorie e sacrificare maggiormente l’aspetto economico, pur di salvare l’infanzia e la salute fisica e mentale dei bambini. Vi sembra poco? Vogliamo mettere l’assoluta serietà con cui si pone il problema dell’infanzia, rispetto a quella, così discussa in questi tempi, di aprire o meno le discoteche d’estate? Ora, certamente le discoteche rappresentano un estremo, e non si vuole togliere nulla in dignità a tante attività colpite dal lockdown parziale (bar, ristoranti, negozi, teatri, ecc.), ma il punto è un altro: chiudendo certe attività economiche, non si compromette la salute di nessuno. Chiudendo la scuola, invece, sì, quella di una delle categorie più delicate in assoluto: i bambini.

Salvare l’infanzia significa chiudere tutto il resto pur di non chiudere le scuole dell’infanzia e quelle primarie, significa dare un supporto esterno alle famiglie (che a loro volta possono avere problemi di vario genere: aver perso il lavoro, avere problemi di salute, lavorare nell’ambito della sanità, ecc.). Significa garantire continuità e stabilità ai bambini, non abbandonarli nel momento in cui essi hanno maggior bisogno di supporto per la loro crescita, intellettiva, psicologica, sociale, fisica.

Significa riorganizzare davvero le scuole, le aule, le classi, gli spazi, dando la priorità a gruppi piccoli di alunni, evitando il più possibile i contatti all’interno di un numero troppo grande di persone. Ventilare gli ambienti, effettuare importanti ricambi dell’aria ogni ora, limitare il tempo in cui si sta a contatto in un ambiente chiuso, pur di eliminare del tutto la scuola. Va bene anche ridurre il numero delle ore, pur di non chiudere la scuola indiscriminatamente. Significa usare le mascherine anche in classe, privilegiare le attività all’aperto laddove possibile, insegnare ai bambini il contatto umano senza quello fisico, imparare nuove regole. Tutto, pur di non costringere i bambini a stare a casa con i genitori per lunghi periodi, con tutte le conseguenze negative che questo comporta.

Significa vigilare suoi sintomi e questo è facilitato dai piccoli gruppi dove i contatti sono sempre gli stessi e quindi eventuali contagi più facilmente gestibili. Significa imporre quarantene a gruppi più ridotti di persone, quindi a meno famiglie. Questo è agire per il bene di tutti e non a casaccio. Cambiare il modo di intendere la scuola significa considerarla una delle strutture portanti della società, senza la quale tutto sgretola, compresa l’economia. Classi piccole significa assumere più insegnanti e, guarda caso, c’è un mare di persone che aspetta invano l’incarico!

Ad alcuni – specie a chi non ha figli? – le mie considerazioni potranno sembrare discutibili e arbitrarie, ma io la vedo così: i soldi vanno e vengono, l’economia va giù e va su, dopo un collasso ci sarà pure, prima o poi, una risalita. Non siamo un paese devastato dalla miseria, ma tra i paesi più ricchi del mondo e ciò che ci manda avanti, udite udite, non è la nostra efficienza economica, ma la nostra cultura, che è qualcosa di ben più ampio e complesso, sono i nostri saperi, che partono dalla scuola e continuano con l’università e la ricerca. Tutta la nostra vita, gli oggetti che utilizziamo, le cose che sappiamo e che possiamo fare, hanno le radici lì, non nei soldi, ma nella scuola.

Mamma Giovanna

Articoli correlati

Ultime News

Maltempo, milioni di danni. Coldiretti: “Interventi immediati a burocrazia zero”

Sono quantificabili al momento in milioni di euro i danni subiti dal mondo agricolo dopo il terribile fine settimana. Superata la bufera adesso le aziende...

Premio Tomasi Gioielli Sangavinese dell’Anno 2020

Sei anni fa, per gioco, abbiamo fatto nascere il concorso “Sangavinese dell’anno”: l'obiettivo è quello di dare valore a quelle personalità che abbiano dato...

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 30.11.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 32 attualmente positivi (invariato da ieri) di cui 32 in isolamento domiciliare e nessuno ricoverato con sintomi.• 25 persone in quarantena (oltre i positivi...

Convocazione Consiglio Comunale – 30 novembre 2020 ore 19:00 – trasmesso in diretta streaming

Si invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria  per il giorno 30/11/2020 alle ore 19:00, per assistervi basta collegarsi...